Vai al contenuto principale
poliziotto27

La COP27 segna progressi su questioni critiche per l'azione globale sul clima

1 dicembre 2022

Guardando alla movimentata COP27, Clean Air Task Force (CATF) è lieto di constatare importanti progressi su una serie di questioni prioritarie.  

"Sebbene non sia stato raggiunto un accordo sulla riduzione delle emissioni, alcune delle cose più importanti della COP27 sono avvenute nelle discussioni e nei dibattiti al di fuori della sala dei negoziati - ridefinendo il problema e ampliando lo spazio delle possibili soluzioni", ha dichiarato Armond Cohen, Presidente di CATF."Nelle fasi plenarie, negli eventi collaterali e nel padiglione Zero-Carbon Future di CATF, abbiamo visto leader mondiali, esperti tecnici, sostenitori e responsabili politici affrontare alcune delle questioni climatiche più spinose della COP27, compiendo passi critici per fare i conti con la portata della sfida climatica, l'inerzia del sistema e la necessità di pensare a lungo termine al di là della mentalità della crisi. Abbiamo anche assistito a piccole coalizioni di volenterosi, sia privati che pubblici, che hanno dato vita ad alcune importanti partnership tecnologiche e di mercato che non sostituiranno l'azione politica, ma possono renderla più probabile spingendo in avanti il progresso tecnico." 

Di seguito sono riportati solo alcuni esempi dei progressi compiuti alla COP27: 

Centrare le esigenze del mondo in via di sviluppo  

I negoziatori della COP27 hanno raggiunto il primo accordo in assoluto sulle perdite e i danni, istituendo un fondo per sostenere i Paesi danneggiati dagli impatti dei cambiamenti climatici. Anche se i dettagli sulle modalità di pagamento e distribuzione del fondo non sono ancora stati finalizzati, l'accordo segna un importante passo avanti verso il riconoscimento e la centralità delle esigenze dei Paesi in via di sviluppo nel processo della COP e negli sforzi globali per affrontare il cambiamento climatico.  

Le perdite e i danni, tuttavia, non sono l'unica priorità per le nazioni in via di sviluppo, come ha chiarito Lily Odarno, direttrice di Energy and Climate Innovation, Africa diCATF, in un recente articolo per African Arguments e come lei stessa e molti leader africani hanno chiarito durante la COP27. Guardando oltre le perdite e i danni, le nazioni in via di sviluppo e in particolare quelle dell'Africa sub-sahariana devono dare priorità all'innovazione interna, alla trasformazione e all'accesso all'energia e allo sviluppo economico come prima linea di difesa contro il cambiamento climatico". I leader africani alla COP27 si sono assicurati che il mondo capisca che qualsiasi discussione sulla transizione energetica deve confrontarsi con le priorità di sviluppo economico delle nazioni più povere - e che un approccio unico per tutti non funzionerà". 

CATFIl padiglione Zero-Carbon Future ha ospitato un'ampia gamma di discussioni su questi temi, tra cui panel sulla modellazione del futuro energetico dell'Africa, sulla leadership africana nell'azione globale per il clima e sulla gestione del carbonio nei Caraibi. CATF ha ospitato anche il governo della Nigeria e il Dipartimento dell'Energia degli Stati Uniti per il lancio del nuovo Centro di eccellenza africano per la tecnologia e l'innovazione nella gestione del carbonio, che mira a ridurre i rischi e ad accelerare l'innovazione, a sviluppare la forza lavoro nella gestione del carbonio e a distribuire le tecnologie di gestione del carbonio nei settori energetico, industriale e agricolo dell'Africa. 

Opzionalità tecnologica  

Alla COP27 i leader mondiali hanno dato una svolta all'opzionalità tecnologica. Piuttosto che limitare i percorsi dell'energia pulita a una o due tecnologie preferite, gli esperti in ogni fase della COP hanno sottolineato l'importanza di una gamma diversificata di soluzioni per il clima, tra cui l'energia eolica e solare, l'idrogeno e l'ammoniaca, l'energia nucleare, la cattura del carbonio e la geotermia. Questa necessità di una gamma diversificata di soluzioni è stata particolarmente pronunciata nelle conversazioni che hanno affrontato le duplici priorità della riduzione delle emissioni, della sicurezza energetica, dello sviluppo economico e degli approcci all'azione per il clima incentrati sulle regioni. Il testo finale della COP27 riflette anche la necessità di opzionalità tecnologica, anche per quanto riguarda i finanziamenti, e di trasformazione dei sistemi - entrambe componenti che CATF ha sostenuto nell'ambito del processo di valutazione globale

"Mentre il mondo considera l'azione per il clima nel contesto di una policrisi globale, è diventato sempre più chiaro che dobbiamo evitare la dipendenza dai percorsi", ha dichiarato Lee Beck, Senior Director, Europe di Clean Air Task Force."La complessità del mondo è stata messa in mostra alla COP27 e siamo stati lieti di vedere i leader mondiali riconoscere la necessità di promuovere più soluzioni contemporaneamente, evitando di mettere a rischio la trasformazione energetica e coprendo le scommesse in un mondo incerto". 

I leader che hanno sottolineato la necessità di una serie di soluzioni energetiche pulite sono stati il Segretario del Dipartimento dell'Energia degli Stati Uniti Jennifer Granholm, il Vice Presidente Esecutivo dell'Unione Europea Frans Timmerman, il Consigliere Economico del Presidente della Namibia James Mnyupe durante una conversazione guidata daCATF, nonché i legislatori statunitensi e i ministri dell'ambiente e dell'energia di Europa, Medio Oriente e Nord Africa intervenuti al padiglione Zero-Carbon Future.  

Responsabilità e attuazione  

La COP27 ha prodotto numerosi annunci concreti che trasformano l'ambizione climatica in azione climatica. I punti salienti includono: 

  • Stati Uniti, Canada, Commissione Europea, Giappone, Norvegia e Regno Unito hanno lanciato il Carbon Dioxide Removal Launchpad. I membri si impegnano a realizzare almeno un progetto di CDR da oltre 1.000 tonnellate di CO2 all'anno entro il 2025 e a contribuire collettivamente con almeno 100 milioni di dollari entro il 2025 per sostenere progetti pilota e dimostrazioni di CDR a livello globale. All'inizio di quest'anno, CATF ha ospitato una riunione ministeriale del Global Clean Energy Action Forum sullo stesso tema.  
  • Gli Stati Uniti e l'Ucraina, insieme a un consorzio multinazionale di partner, hanno annunciato un progetto pilota per la generazione di combustibili a zero emissioni di carbonio da piccoli reattori modulari, con l'obiettivo di dimostrare la produzione di idrogeno e ammoniaca puliti utilizzando reattori nucleari modulari e tecnologie di elettrolisi in Ucraina. Questo sforzo sosterrà gli obiettivi di sicurezza energetica dell'Ucraina, consentirà la decarbonizzazione dei settori energetici difficili da abbattere attraverso la generazione di idrogeno pulito e migliorerà la sicurezza alimentare a lungo termine grazie ai fertilizzanti prodotti con ammoniaca pulita. 
  • Una nuova iniziativa lanciata dagli Stati Uniti, il Progetto Phoenix, accelererà la transizione in Europa delle centrali a carbone verso piccoli reattori nucleari modulari. Il Progetto Phoenix fornirà un sostegno diretto agli Stati Uniti per studi di fattibilità sul passaggio dal carbone ai reattori nucleari modulari e per le attività correlate, a sostegno degli obiettivi di sicurezza energetica dei Paesi dell'Europa centrale e orientale. 
  • La Romania ha annunciato diverse nuove iniziative incentrate sullo sfruttamento dell'energia nucleare, in particolare dei piccoli reattori modulari, per guidare la transizione energetica nella regione e aumentare la sicurezza energetica, tra cui un nuovo memorandum d'intesa tra la società di progetto SMR di Nuclearelecrica (RoPower) e Donalam. 
  • L'UE, la più grande regione importatrice di petrolio e gas del mondo e un importatore di energia previsto in un mondo decarbonizzato, ha firmato un MOU su una partnership UE-Egitto per importare idrogeno dall'Egitto.  
  • Il Kazakistan e l'UE hanno firmato un memorandum d'intesa che stabilisce un partenariato energetico che include lo sviluppo della catena di valore della fornitura di idrogeno.  
  • L'Egitto ha firmato otto accordi quadro con aziende internazionali per lo sviluppo di progetti di idrogeno a basse emissioni di carbonio.   
  • Un nuovo programma di lavoro congiunto del Comitato esecutivo per la tecnologia (TEC) e della Rete per la tecnologia e l'energia per il clima (CTCN), che studierà la decarbonizzazione dei settori industriali più difficili da abbattere, come l'acciaio e il cemento. Attraverso il programma di lavoro congiunto, i Paesi in via di sviluppo e i mercati emergenti potranno richiedere assistenza tecnica e supporto per la creazione di capacità per sviluppare progetti tecnologici critici.  

Interventi rapidi per ridurre le emissioni di metano  

Un anno dopo il lancio dell'Impegno globale per il metano, i leader mondiali hanno registrato progressi significativi nella mitigazione del metano alla COP27 - contando più di 150 nazioni che hanno sottoscritto l'impegno, oltre il 95% dei Paesi che hanno incluso la mitigazione del metano nei loro NDC e più di 50 Paesi che hanno stabilito o stanno sviluppando piani d'azione per la mitigazione del metano. Come ha osservato Jonathan Banks, direttore globale diCATFper la prevenzione dell'inquinamento da metano, in una riunione ministeriale della COP27 ospitata da CATF, "l'anno scorso il metano ha avuto il suo momento. Quest'anno è tutta una questione di slancio". 

Durante la COP27, gli Stati Uniti, il Canada, la Nigeria e l'Ecuador hanno annunciato nuovi standard sul metano per ridurre le emissioni dei rispettivi settori petrolifero e del gas, mentre il Global Methane Hub ha annunciato nuovi e significativi finanziamenti per progetti volti a ridurre le emissioni di metano dal settore dei rifiuti a livello globale, tra cui un nuovo progetto di Clean Air Task Force per tracciare e monitorare le emissioni di metano dal settore dei rifiuti in America Latina. L'UE, gli Stati Uniti, il Canada, il Giappone, il Regno Unito e la Norvegia hanno inoltre annunciato un importante accordo commerciale internazionale per garantire la mitigazione del metano nelle catene di approvvigionamento globali. 

CATF si augura di collaborare con i leader globali per garantire la responsabilità e il progresso continuo su ciascuno di questi fronti nel prossimo anno, basandosi sui progressi compiuti alla COP27 e aumentando l'ambizione e l'azione in vista della COP28 a Dubai, negli Emirati Arabi Uniti.

Messaggi correlati

Non perderti gli aggiornamenti!

iscriviti per ricevere gli ultimi contenuti di CATF

"*" indica i campi obbligatori