Vai al contenuto principale

La nostra storia e il nostro impatto

Rimaniamo fedeli alle nostre origini di organizzazione di advocacy indipendente e basata sui fatti.

All'inizio...

Quando CATF è stato lanciato nel 1996, la nostra strategia era molto precisa: cambiare la politica federale in modo che le vecchie centrali a carbone dovessero rispettare gli stessi tassi di emissione - e sostenere gli stessi costi - delle nuove centrali.

Per attuare questa strategia, abbiamo co-fondato e guidato una campagna strategica legale, tecnica e politica per ottenere una riduzione di smog, fuliggine, sostanze tossiche per l'aria e anidride carbonica dalle centrali elettriche statunitensi attraverso uno sforzo su più fronti, insistendo innanzitutto su modifiche normative.

Ampliare la nostra strategia

CATF ha promosso campagne a livello statale per sollecitare un'azione statale e federale, ha commissionato e pubblicizzato studi epidemiologici sull'impatto delle centrali a carbone sulla salute e, lavorando a stretto contatto con i procuratori generali degli Stati interessati, ha portato avanti un'aggressiva campagna di regolamentazione federale e un'agenda legislativa statale per imporre la questione al Congresso e all'EPA. Grazie ai nostri sforzi iniziali, ben prima dell'amministrazione Obama, le centrali a carbone sono state messe in condizione di ridurre significativamente le loro emissioni, ottenendo alla fine una regolamentazione che salva quasi 13.000 vite all'anno ed evita centinaia di migliaia di malattie.

Ma anche mentre CATF e i nostri alleati ottenevano importanti vittorie sul fronte delle emissioni statunitensi, il quadro della produzione energetica globale stava cambiando rapidamente. Nonostante il rallentamento della produzione di energia da carbone negli Stati Uniti, la Cina e altri Paesi asiatici stavano iniziando a costruire ogni anno nuovi impianti a carbone di dimensioni pari a circa un terzo del parco carbone statunitense. La scienza climatica emergente dimostrava che, per stabilizzare il clima globale, il settore energetico mondiale avrebbe dovuto essere sostanzialmente privo di emissioni di carbonio entro la metà del secolo. Quasi 20 anni fa, CATF ha riconosciuto che l'efficienza energetica e le fonti rinnovabili non sarebbero state sufficienti, da sole, a rallentare il riscaldamento globale al ritmo necessario e che era necessaria una strategia più ampia e profonda per affrontare le emissioni di carbonio e di altri gas a effetto serra derivanti dalla generazione di energia, dalla produzione di combustibili e, infine, dai trasporti e dalle fonti industriali, che insieme rappresentano la maggior parte delle emissioni globali di carbonio.

Questa strategia più profonda e più ampia, che rimane tuttora la nostra stella polare, ha diversi obiettivi:

  • Imporre limiti alle emissioni delle centrali elettriche, siano esse alimentate a gas naturale o a carbone.
  • Premere per incentivare la diffusione commerciale di tecnologie in grado di eliminare le emissioni di carbonio dal settore energetico, tra cui la cattura e lo stoccaggio del carbonio (dove i combustibili fossili rimarranno per qualche tempo parte dell'economia globale), l'energia nucleare avanzata e le energie rinnovabili di nuova generazione.
  • Accentuare gli aspetti negativi dei gas serra e delle emissioni dannose per il clima, come le perdite di metano dalla produzione di petrolio e gas e le emissioni di particolato carbonioso da veicoli diesel, spedizioni marittime e combustione di biomassa.
  • Garantire che l'uso della bioenergia sia almeno vantaggioso per il clima e, ove possibile, negativo per il carbonio.
  • Ridurre l'inquinamento che ha un impatto sulla salute rafforzando gli standard di qualità dell'aria e delle emissioni e la loro applicazione per le centrali elettriche, la produzione di petrolio e gas, i veicoli a benzina e diesel e altre fonti. 

Cronologia interattiva

Festeggiamo i nostri oltre 25 anni d'impatto

Negli ultimi 25 anni, CATF si è ritagliata un ruolo unico nel movimento ambientalista e climatico come organizzazione scientifica, orientata alle soluzioni e strategica che ottiene risultati. Scoprite come abbiamo iniziato ed esplorate la nostra storia.

Simulazione di una linea temporale in un iPad

Uno sguardo al futuro

CATF sta riallineando le priorità stabilite per far fronte alla crisi su scala globale

Oggi continuiamo ad applicare il nostro know-how tecnico e politico per gestire la sfida climatica con soluzioni all'avanguardia. Basata sui fatti, piuttosto che sulle ideologie, CATF combina innovazione tecnologica, mobilitazione politica e competenze legate alle leadership di pensiero per sfruttare soluzioni praticabili in questa crisi globale.

Stiamo esaminando seriamente e in modo approfondito ciò che sarà richiesto alla nostra società e alle nostre istituzioni per raggiungere l'intensità e i livelli di finanziamento necessari per l'innovazione energetica, consentendoci di raggiungere l'obiettivo scoraggiante, ma necessario, di un sistema energetico globale a zero emissioni di carbonio entro la metà del secolo. Nonostante la nostra crescente statura di leader della ricerca e dell'advocacy nel dibattito globale sul clima, rimaniamo fedeli alle nostre origini di organizzazione scientifica.

Un impatto effettivo

La nostra indipendenza dalle aziende e la nostra volontà di resistere alle opinioni più diffuse ci mantengono radicati nella realtà e concentrati sui cambiamenti che possono davvero fare la differenza.

Sostieni il nostro lavoro che mira alla salvaguardia dagli impatti peggiori dovuti ai cambiamenti climatici.