Vai al contenuto principale
Egitto

COP27: è il momento di guidare l'Africa

7 novembre 2022

Pubblicato originariamente su African Arguments

I leader mondiali si riuniscono a Sharm el-Sheikh per la COP27 in un momento storico particolare, in cui il mondo che si sta riprendendo dagli impatti devastanti della pandemia Covid-19 è colpito da crisi su tutti i fronti: una possibile recessione economica globale; la corsa dell'Europa all'energia; eventi climatici estremi in Africa, Asia e Nord America; la carestia nel corno d'Africa. Tutto fa pensare a un mondo in crisi. Questa instabilità globale smorzerà la volontà di un'azione efficace sul clima alla conferenza annuale sul clima?

Poiché l'interdipendenza di questi temi viene messa a fuoco, vedo l'opportunità per l'Africa di prendere in mano il proprio futuro energetico e climatico e di stabilire le proprie priorità da una posizione di leadership. I recenti eventi globali offrono lezioni importanti che potrebbero consentire una reimpostazione critica che metta l'Africa su un percorso realistico ed efficace di azione per il clima.

Ecco quattro importanti lezioni che i leader africani dovrebbero tenere in considerazione quando si accingono ad affrontare i negoziati sul clima.

L'Africa deve prendere in mano il proprio futuro climatico ed energetico

I finanziamenti per il clima sono sempre un argomento importante alla COP. Si basa sull'idea che i Paesi più ricchi, che hanno la responsabilità storica del cambiamento climatico, mettano a disposizione dei Paesi in via di sviluppo finanziamenti sicuri per mitigare e adattarsi al cambiamento climatico. Quest'anno il tema delle perdite e dei danni, storicamente trascurato, avrà probabilmente un ruolo di primo piano nelle conversazioni sui finanziamenti.

Ad oggi, i Paesi sviluppati non hanno mantenuto gli impegni assunti in materia di clima. I 100 miliardi di dollari all'anno promessi dai Paesi sviluppati alla COP15 del 2009 non sono stati rispettati né adeguati ai recenti sviluppi economici e climatici. Nonostante la centralità di questo tema alla COP26 di Glasgow, i progressi sono stati lenti. Non c'è alcuna indicazione che questo cambierà in modo significativo a Sharm el-Sheikh - anzi, il contrario. Abbiamo visto i Paesi sviluppati ridurre gli aiuti esteri in un momento in cui la povertà è in aumento in Africa e nel resto del mondo in via di sviluppo.

I negoziati per il finanziamento del clima devono procedere alla COP27. Tuttavia, con gli impatti climatici già sperimentati in tutta l'Africa, il continente non può più aspettare che la salvezza arrivi dai Paesi sviluppati. È tempo che i leader africani riconoscano l'enormità della sfida e i suoi impatti economici a lungo termine - e affrontino la realtà che potrebbero sopportare questo peso da soli.

Accesso all'energia, sviluppo economico e cambiamento climatico devono essere affrontati insieme

La risposta dell'Europa alle sue crisi energetiche offre lezioni importanti. Dopo essersi opposta ai finanziamenti per i combustibili fossili nei Paesi in via di sviluppo solo un anno fa, l'Europa sta ora esplorando l'Africa per ottenere queste stesse risorse mentre si affanna a soddisfare il proprio fabbisogno energetico. Questo doppio standard dimostra che l'azione per il clima è molto più complessa della sostituzione delle fonti energetiche ad alta emissione con altre più pulite. Si tratta piuttosto di navigare in un contesto complesso di sicurezza energetica, geopolitica e - in luoghi come l'Africa - di povertà energetica e sottosviluppo.

In Africa, l'azione per il clima deve essere bilanciata con la necessità di fornire l'accesso all'energia moderna per l'elettrificazione, le applicazioni industriali e i trasporti a livelli tali da consentire uno sviluppo significativo per gli africani, soprattutto perché la regione prevede una crescita demografica significativa entro la metà del secolo. Con una forza lavoro giovane e una domanda crescente di beni di consumo, il continente ha un enorme potenziale per accelerare la produzione e costruire ricchezza. L'accesso a elettricità abbondante, affidabile e conveniente e a combustibili a basse emissioni sarà essenziale per questo processo. In tutta l'Africa, sono necessarie strutture di mercato dell'energia innovative, reti elettriche robuste e servizi di pubblica utilità ben funzionanti per avviare i Paesi su percorsi di trasformazione in linea con le loro peculiari dotazioni di risorse.

Lo sviluppo economico è la leva più critica per l'adattamento e la mitigazione del clima in Africa

È innegabile che i Paesi più ricchi siano meglio posizionati per mitigare e adattarsi agli impatti del cambiamento climatico. Con una forte dipendenza dalle risorse naturali e una capacità limitata di rispondere ai disastri, i Paesi africani sono sproporzionatamente vulnerabili. Entro il 2030, il 90% dei poveri del mondo potrebbe trovarsi in Africa. Far uscire i Paesi africani dalla povertà è la prima linea di difesa per adattarsi a un clima che cambia.

I requisiti tecnologici di un futuro a zero emissioni di carbonio richiederanno investimenti significativi. Le analisi dell'AIE, dell'IPCC e di altre organizzazioni di ricerca indicano che per decarbonizzare il nostro sistema energetico globale avremo bisogno di tecnologie avanzate come la cattura e lo stoccaggio del carbonio, l'idrogeno e l'energia nucleare avanzata, oltre alle fonti energetiche rinnovabili convenzionali. Se i Paesi africani vogliono dare priorità all'adozione di queste tecnologie e localizzarne l'applicazione attraverso la ricerca e l'innovazione, avranno bisogno di infrastrutture e capacità finanziarie per farlo. Ciò può essere possibile solo se le economie africane crescono e prosperano.

Coltivare le conoscenze e le soluzioni locali come fattori chiave di successo

Quando si parla di transizione energetica e di cambiamenti climatici, il contesto conta. Non esiste una soluzione unica per tutti. La comprensione della complessa interazione tra tecnologia, economia, politica, sviluppo, cultura e società nella trasformazione dei sistemi energetici richiede una sofisticata comprensione del contesto locale. Un rapporto di prossima pubblicazione di Clean Air Task Force sulla modellazione e la ricerca sulle transizioni energetiche in Africa rileva che la leadership intellettuale sulle transizioni energetiche in Africa è in gran parte guidata da esperti non africani. Questa situazione deve cambiare. È tempo che i leader africani diano priorità agli investimenti per lo sviluppo di conoscenze locali che possano informare e plasmare approcci pragmatici e basati sulla realtà alla trasformazione energetica in Africa.

È tempo di mettere al centro del dibattito globale sul clima le esigenze dei Paesi in via di sviluppo. La COP27 di Sharm el-Sheikh offre ai leader africani una promettente piattaforma per affermare queste priorità sulla scena mondiale e guidarci verso un futuro più luminoso. 

Messaggi correlati

Non perderti gli aggiornamenti!

iscriviti per ricevere gli ultimi contenuti di CATF

"*" indica i campi obbligatori