Vai al contenuto principale
GCEAF

Leader mondiali ed esperti di energia al Global Clean Energy Action Forum: Abbiamo bisogno di più soluzioni, ora

29 settembre 2022

La scorsa settimana, in occasione del Global Clean Energy Action Forum (GCEAF), i leader di tutto il mondo hanno manifestato il loro sostegno per il rapido sviluppo, la dimostrazione e la diffusione di una serie più ampia di soluzioni per il clima, con una chiara evoluzione dei toni che testimonia il crescente riconoscimento delle realtà dell'azione per il clima. 

Il tema del forum 2022, "Rapid Innovation and Deployment", ha posto in primo piano l'urgenza della transizione energetica pulita, con eventi incentrati su una maggiore cooperazione internazionale e intersettoriale per commercializzare le soluzioni climatiche. I leader mondiali hanno prestato particolare attenzione alla sicurezza energetica, ai posti di lavoro e all'accessibilità economica durante i dibattiti ad alto livello e hanno sottolineato l'importanza di accelerare soluzioni come la cattura del carbonio, di sfruttare i combustibili a zero emissioni di carbonio come l'idrogeno, di promuovere l'energia nucleare per creare mercati energetici a basse emissioni di carbonio e di guidare una transizione energetica che crei e mantenga i posti di lavoro. 

A sottolineare la necessità di questo pacchetto di soluzioni più ampio, Lily Odarno di CATFha dato il via alla nostra presenza al GCEAF riunendo un gruppo di esperti che lavorano nel Sud del mondo per discutere della necessità di catturare il carbonio nelle economie in via di sviluppo. Con i punti di vista dei ministri del governo, l'onorevole Peter Ekweozoh della Nigeria e l'onorevole Luky Yusgiantoro dell'Indonesia, oltre a quelli della Banca Mondiale e del Programma di Ricerca e Sviluppo sui Gas Serra dell'AIE (IEAGHG), Odarno ha condotto una discussione sull'importanza di promuovere soluzioni energetiche che allevino la povertà energetica e soddisfino al contempo la crescente domanda di energia. "Quando discutiamo di energia nei Paesi in via di sviluppo", ha detto Odarno, "dobbiamo fondare questa discussione sulla realtà pratica ed etica di ciò con cui le comunità hanno a che fare ogni giorno". Ciò significa più energia, non meno, e più soluzioni, non meno, per aumentare la nostra capacità di personalizzare le esigenze di una determinata regione.  

Anche l'Assistente Segretario per l'Energia Fossile e la Gestione del Carbonio Brad Crabtree del Dipartimento dell'Energia degli Stati Uniti ha espresso le sue osservazioni al panel di Odarno, affermando: "Dobbiamo promuovere soluzioni energetiche per i Paesi del Sud Globale, soluzioni che non solo riducano le emissioni, ma che abbiano un senso per quei Paesi e per le loro circostanze uniche per quanto riguarda l'accesso all'energia, la sicurezza energetica e le economie". 

In linea con il tema degli approcci regionali all'azione per il clima, il direttore senior di CATFin Europa Lee Beck si è unito a una tavola rotonda per discutere della crisi energetica europea, sottolineando come la nuova ondata di investimenti in infrastrutture a combustibili fossili non ancora terminate sottolinei le conseguenze della dipendenza dai percorsi. L'oratrice ha sostenuto la necessità di coniugare la sicurezza energetica e l'azione per il clima, perseguendo tutte le tecnologie possibili e mantenendo sul tavolo una serie di opzioni politiche. Ha anche ricordato ai partecipanti che "un'Europa pulita o degli Stati Uniti puliti non sono il punto di arrivo, ma solo l'inizio. In definitiva, dovremo commercializzare tutte le opzioni tecnologiche per il clima per consentire una transizione energetica equa a livello globale". 

Con un cenno alla necessità di una maggiore sicurezza energetica, il sostegno ai combustibili a idrogeno è stato in bella mostra durante il Global Clean Energy Action Forum, anche con un importante annuncio del Segretario del Dipartimento dell'Energia degli Stati Uniti Jennifer Granholm. Il Segretario Granholm ha presentato sul palco della plenaria una storica opportunità di finanziamento da 7 miliardi di dollari per gli hub regionali dell'idrogeno pulito, pubblicando anche una bozza di guida per uno standard di produzione dell'idrogeno pulito e una bozza di strategia e tabella di marcia nazionale per l'idrogeno pulito - un enorme progresso per sostenere lo sviluppo di una solida economia dell'idrogeno a basse emissioni negli Stati Uniti. 

L'inviato speciale del Presidente per il clima John Kerry interviene alla tavola rotonda sui carburanti a idrogeno organizzata da CATF.  

E non è stata l'unica. "Questo sta accadendo", ha detto l'inviato speciale del Presidente per il cambiamento climatico John Kerry a proposito dello sviluppo dell'economia globale dell'idrogeno durante una tavola rotonda organizzata da CATF sulle opportunità di sfruttare l'intera catena del valore dell'idrogeno. Tra gli altri partecipanti alla tavola rotonda, CATF ha coinvolto il ministro brasiliano Giovani Machado e l'amministratore delegato di National Grid John Pettigrew. L'inviato speciale Kerry ha sottolineato l'importanza dell'idrogeno per la completa decarbonizzazione e ha fornito indicazioni sul valore dei vari percorsi di produzione. 

Lee Beck ha portato il punto di vista di CATFnella discussione, sottolineando la necessità di reimmaginare i mercati globali dei combustibili per un mondo allineato al clima e di andare oltre la dipendenza dai percorsi per concentrarsi sullo sviluppo della capacità di soddisfare l'enorme domanda prevista di combustibili a zero emissioni di carbonio. "Dobbiamo lasciare che gli standard sull'idrogeno attualmente in fase di elaborazione facciano il loro lavoro", ha detto, "e dobbiamo riorganizzare la conversazione sull'idrogeno dai colori ai volumi per sbloccare un mercato globale per i carburanti a zero emissioni di carbonio". 

CATF Il direttore della Strategia globale per l'energia nucleare Carlos Leipner sottolinea il potenziale dell'idrogeno nucleare come via per soddisfare la domanda globale di idrogeno.

Uno dei potenziali percorsi per soddisfare la domanda di idrogeno è l'idrogeno di origine nucleare. CATFCarlos Leipner ha convocato e condiviso le proprie competenze in un panel incentrato sull'idrogeno nucleare al GCEAF, mettendo in luce il lavoro della neonata e in rapida crescita Iniziativa per l'idrogeno nucleare. Iniziativa per l'idrogeno nucleare. Insieme a leader come l'Assistente Segretario per l'Ufficio per l'Energia Nucleare Dr. Kathryn Huff del Dipartimento dell'Energia degli Stati Uniti, il Ministro di Stato giapponese per l'Economia, il Commercio e l'Industria Nakatani Shinichi, il Vice Ministro Associato del Canada Mollie Johnson e Michel Berthélemy dell'OCSE, Leipner ha sottolineato l'entità della domanda prevista per l'idrogeno a basse emissioni e ha spiegato come l'energia nucleare offra molteplici percorsi per produrre e soddisfare tale domanda con un'impronta relativamente bassa sul territorio. Leipner ha sottolineato il valore e l'importanza di riunire gli stakeholder di tutte le catene di valore dell'energia nucleare e dell'idrogeno per superare gli ostacoli alla diffusione dell'idrogeno nucleare. 

CATF Lee Beck, direttore senior per l'Europa, modera la discussione di una tavola rotonda di ministri e amministratori delegati sull'eliminazione del biossido di carbonio. 

CATF è stato al centro delle discussioni sulle tecnologie di gestione del carbonio, come la rimozione dell'anidride carbonica e il trasporto e lo stoccaggio della CO2, anche al GCEAF.  

In occasione di una tavola rotonda dei Ministri dell'Energia Pulita e degli Amministratori Delegati, Lee Beck ha moderato una discussione con i leader mondiali del governo e del settore privato sulla necessità di implementare rapidamente i progetti di cattura e stoccaggio del carbonio, compresa la rimozione permanente dell'anidride carbonica. Sulla spinta dei chiari segnali del Gruppo intergovernativo di esperti sul cambiamento climatico e dell'Agenzia internazionale per l'energia, che indicano che il mondo avrà bisogno di gigatoni di capacità di rimozione di CO2 nel corso del secolo, i mercati, la tecnologia e le politiche si sono evoluti rapidamente per facilitare un'espansione a breve termine.  

Tuttavia, i leader hanno notato che rimangono delle sfide fondamentali. Dobbiamo creare fiducia nelle tecnologie attraverso impianti dimostrativi su scala di megatoni e dobbiamo formulare standard globali che guidino i mercati volontari e di conformità per garantire accuratezza e responsabilità. I leader hanno anche sottolineato l'opzionalità delle politiche per consentire percorsi multi-tecnologici per soluzioni CDR permanenti, nonché la necessità di elettricità pulita e accessibile 24 ore su 24 e 7 giorni su 7 e di una forza lavoro con le competenze necessarie per costruire il sistema energetico del futuro.  

Soprattutto, i partecipanti hanno discusso la necessità di un approccio tra pari e di partnership per sostenere visioni centrate sulla regione e lo sviluppo di capacità per la diffusione di tecnologie e infrastrutture nei Paesi in via di sviluppo. Infine, i ministri hanno sottolineato la necessità di adeguare la finanza climatica per consentire il finanziamento di un'ampia gamma di opzioni tecnologiche.   

Nel complesso, il Global Clean Energy Action Forum ha fornito un'importante piattaforma per un cambiamento di tono, con i leader mondiali dell'energia che hanno riconosciuto la necessità e sostenuto a gran voce un'ampia gamma di soluzioni per l'energia pulita. Come collettività, stiamo iniziando a fare i conti con la portata della sfida e con la più ampia serie di considerazioni che devono essere affrontate per far fronte sia al clima che alla miriade di altre sfide che dobbiamo affrontare contemporaneamente. Possiamo aspettarci un'ulteriore presa di coscienza e un maggior numero di soluzioni alla COP27 di Sharm El-Sheikh e alla COP28 di Dubai, con l'innovazione e i mercati emergenti in primo piano. 

Messaggi correlati

Non perderti gli aggiornamenti!

iscriviti per ricevere gli ultimi contenuti di CATF

"*" indica i campi obbligatori