Vai al contenuto principale

Ripulire tutte le perdite locali di distribuzione del gas (non solo nel sottosuolo!)

7 agosto 2014

Nelle ultime due settimane il Dipartimento dell'Energia degli Stati Uniti e l'Ispettore Generale dell'EPA hanno richiamato l'attenzione su un problema importante: le emissioni nocive di metano provenienti dai sistemi di distribuzione del gas naturale nelle città e nei paesi. Negli ultimi anni sono stati compiuti alcuni sforzi per ripulire il metano dagli impianti di gas naturale. Ad esempio, le regole dell'EPA del 2012 che riguardano i pozzi di gas sottoposti a fratturazione idraulica e alcune nuove attrezzature ridurranno il metano da alcune fonti specifiche come "co-beneficio" (le regole riguardano altri inquinanti presenti nel gas, non il metano). Alcuni Stati, tra cui Coloradohanno emanato norme importanti. Tuttavia, queste norme si sono concentrate su produzione di petrolio e gas (le norme dell'EPA prevedono alcune misure che regolano anche gli inquinanti provenienti dagli impianti di lavorazione del gas). Purtroppo, l'EPA e gli Stati hanno trascurato la pulizia dei sistemi locali di distribuzione del gas, come chiarisce il rapporto dell'IG. rapporto dell'IG chiarisce. Si tratta di una questione importante e sia il DOE che l'IG dell'EPA hanno proposto idee utili e importanti per accelerare la sostituzione dei sistemi di distribuzione del gas. perdite, inaffidabileinaffidabili, obsoleti e talvolta pericolose condotte di distribuzione in ghisa o acciaio non protetto.

Ma sia il rapporto dell'Ispettore Generale che l'iniziativa del iniziativa del DOE non colgono una delle opportunità più importanti per ridurre le emissioni derivanti dalla distribuzione del gas: la bonifica delle perdite di metano da in superficie in superficie nei sistemi di distribuzione, come porte cittadine e le stazioni dove il gas viene misurato e regolato.

Fonte: Inventario dei gas serra degli Stati Uniti 2014 dell'EPA.

L'inventario dell'EPA sulle emissioni di metano mostra che le emissioni di metano prodotte da queste grandi stazioni sono in realtà leggermente superiori a quelle prodotte da tubature sotterranee obsolete. E queste emissioni possono essere ripulite in modo rapido ed economico. La nostra ricerca ha dimostrato che le perdite nei pozzi e nei compressori di gas possono essere trovate e riparate a basso costo, eliminando potenzialmente milioni di tonnellate di emissioni a basso costo, nonostante il fatto che queste strutture siano spesso disperse in luoghi remoti. L'analisi dell'EPA dei rapporti dell'industria sulle indagini sulle perdite (si veda l'Appendice C del presente rapporto sui costi di pulizia dei gas serra). questo rapporto sui costi di bonifica dei gas serra) ha dimostrato che anche le emissioni delle grandi strutture di distribuzione sono poco costose da bonificare.

Il danno climatico nei vent'anni successivi alle emissioni causate dalle fughe di metano dai sistemi di distribuzione del gas degli Stati Uniti è maggiore delle emissioni di carbonio delle centrali elettriche* di qualsiasi Stato, ad eccezione del Texas, e la bonifica del metano è un complemento fondamentale alla bonifica delle emissioni di CO2 delle centrali elettriche, la priorità più importante per la stabilizzazione del clima. I programmi volontari come Natural Gas Star hanno contribuito a ridurre le emissioni di metano a monte, ma hanno ridotto le emissioni della distribuzione solo del 3,4%. L'ammodernamento di gasdotti e infrastrutture di distribuzione vecchi, insicuri e con perdite è una priorità fondamentale che renderà questi sistemi più sicuri e affidabili e potrebbe creare centinaia di migliaia di posti di lavoro. potrebbe creare centinaia di migliaia di posti di lavoro.

La sostituzione delle condutture di distribuzione che perdono è urgente ed è positivo che l'ispettore generale dell'EPA e il DOE abbiano portato una nuova riflessione su questa sfida infrastrutturale. Anche la riparazione delle perdite di metano nelle stazioni di distribuzione in superficie richiede attenzione: queste perdite sono una grande fonte di inquinamento e sono economiche e semplici da riparare.

L'EPA deve usare la sua autorità ai sensi del Clean Air Act per regolamentare direttamente il metano e richiedere alle aziende del gas di trovare e riparare le perdite in queste strutture. Non bisogna continuare a trascurare né i gasdotti nelle nostre città né le inutili perdite delle apparecchiature in superficie.

* Come già detto, stiamo utilizzando un potenziale di riscaldamento globale di 20 anni per confrontare i danni climatici del metano e della CO2 in questo caso. È più tipico utilizzare un GWP a 100 anni - ad esempio, l'EPA utilizza sempre il GWP a 100 anni nelle sue analisi. È fondamentale considerare entrambe le metriche. Il metano, libbra per libbra, trattiene molto più calore della CO2ma il metano rimane nell'atmosfera solo per circa un decennio, mentre la CO2 permane nel sistema climatico per secoli. Questo è uno dei motivi per cui la bonifica della CO2 è la massima priorità per il clima. La riduzione del metano, invece, è molto importante per cercare di ridurre il tasso di riscaldamento nei prossimi decenni.

Messaggi correlati

Non perderti gli aggiornamenti!

iscriviti per ricevere gli ultimi contenuti di CATF

"*" indica i campi obbligatori