Vai al contenuto principale

Il Consiglio dei consulenti del Presidente per la scienza e la tecnologia ha alcuni eccellenti consigli per il Presidente sul cambiamento climatico

13 maggio 2013

Due mesi fa, il Consiglio dei consulenti per la scienza e la tecnologia del Presidente Obama ha pubblicato una lettera aperta di nove pagine lettera aperta al Presidente che delineava sei percorsi critici e di buon senso per l'Amministrazione per affrontare il cambiamento climatico globale durante il suo secondo mandato. Rilasciata senza grandi clamori, la lettera sembra essere scomparsa dalla vista e dalla revisione del pubblico. Peccato, perché crediamo che contenga alcune raccomandazioni importanti per questa Amministrazione. Ecco la nostra opinione sulla lettera del Consiglio:

Sebbene il Consiglio chieda azioni coraggiose in sei aree chiave, alcuni degli imperativi si distinguono come più rilevanti per il nostro lavoro, in particolare la raccomandazione numero due: "Continuare gli sforzi per decarbonizzare l'economia, concentrandosi inizialmente sul settore elettrico"." Questa strategia è coerente con l'obiettivo a breve termine dichiarato dall'Amministrazione di ridurre le emissioni di gas serra a livello economico del 17% rispetto ai livelli del 2005 entro il 2020, nonché con l'obiettivo a lungo termine di ridurre le emissioni di gas serra dell'80% entro il 2050, un obiettivo richiesto dal Gruppo intergovernativo di esperti sul cambiamento climatico, altrimenti il pianeta dovrà affrontare le peggiori conseguenze del cambiamento climatico globale. Per raggiungere questo obiettivo, il Consiglio formula tre raccomandazioni essenziali:

  • "Continuare l'attuazione dei requisiti del Clean Air Act sugli inquinanti critici (come SO2 e NOx) e sugli inquinanti atmosferici pericolosi (come il mercurio), compresa la creazione di nuovi standard di prestazione per le emissioni di CO2 dalle fonti fisse esistenti". L'Amministrazione ha compiuto progressi sostanziali nel ripulire le emissioni delle centrali elettriche convenzionali (attraverso la norma Mercury and Air Toxics Standards (MATS)). Per completare il lavoro sarà necessario utilizzare la sezione 111 del Clean Air Act per stabilire standard di rendimento per le centrali elettriche fossili nuove ed esistenti. CATF ha prodotto un'analisi preliminare che dimostra che le emissioni di CO2 del settore energetico possono essere ridotte del 28% rispetto ai livelli del 2005 entro il 2020 a costi ragionevoli, semplicemente ridisponendo il parco macchine in modo da fare meno affidamento sulle unità a carbone inefficienti e più sulle unità a ciclo combinato a gas naturale, efficienti ma attualmente sottoutilizzate. Senza questa regola, gli Stati Uniti non hanno alcuna possibilità di raggiungere l'obiettivo del 17% a livello economico. Per raggiungere l'obiettivo dell'80% entro il 2050, ogni unità fossile in funzione in quell'anno dovrà essere dotata di un sistema di cattura e stoccaggio del carbonio (CCS).
  • "Accelerare gli sforzi per ridurre gli ostacoli normativi alla diffusione della cattura e dello stoccaggio del carbonio (CCS) e continuare a sostenere politicamente i grandi progetti CCS in corso". Contrariamente a quanto si dice, la tecnologia CCS è disponibile, efficace e scalabile, con una serie di progetti in tutto il mondo operativi, in costruzione o in procinto di essere avviati. Tuttavia, l'Amministrazione deve agire ora per garantire che questi e altri progetti procedano rapidamente, al fine di perfezionare la tecnologia e abbassare i costi in modo che possa essere installata su tutte le unità fossili nei prossimi decenni. I combustibili fossili non scompariranno presto e la CCS è l'unica strada per consentirne l'uso senza gli enormi impatti climatici delle emissioni incontrollate di carbonio nell'atmosfera.
  • "Sostenere la continua espansione della produzione di shale-gas, assicurando che gli impatti ambientali della produzione e del trasporto non limitino il potenziale di questo approccio". Il gruppo di esperti sottolinea giustamente che le perdite di metano e la contaminazione delle falde acquifere sono tra i rischi ambientali che devono essere affrontati dall'autocontrollo dell'industria attraverso la rigida adesione a standard operativi all'avanguardia. Nella nostra "lettera aperta" al Presidente Obama di gennaio, CATF ha sostenuto che il controllo del metano proveniente da fonti nuove ed esistenti nell'industria del petrolio e del gas rappresenta un'opportunità immediata ed economicamente vantaggiosa per ottenere rapidi benefici per il clima. Questo è anche essenziale per garantire i benefici climatici di una politica che sposti una maggiore produzione di energia elettrica verso il gas naturale. Nei decenni successivi all'ingresso del metano nell'atmosfera, il riscaldamento del clima è, chilo per chilo, oltre 70 volte superiore a quello dell'anidride carbonica. Tuttavia, a differenza dell'anidride carbonica, il metano si degrada nell'atmosfera in pochi decenni. Di conseguenza, la riduzione delle emissioni di metano in tempi brevi può avere benefici a breve termine, fornendo alcuni vantaggi significativi in termini di temperatura nei prossimi decenni. L'EPA deve quindi stabilire standard completi sulle emissioni di metano per ridurre al minimo la più grande fonte di inquinamento da metano negli Stati Uniti: lo sfiato e le perdite dei sistemi di produzione di gas naturale (che è per lo più metano) e di petrolio, lungo tutto il percorso che va dalla testa del pozzo al contatore del gas del consumatore. Questi standard consentirebbero di risparmiare carburante prezioso, denaro (molte delle misure raccomandate si ripagano rapidamente, poiché consentono di risparmiare gas che può essere venduto) e vite umane (il metano e altri inquinanti presenti nel gas naturale sono ingredienti della ricetta per lo smog da ozono, mentre altre sostanze chimiche presenti nel gas naturale sono tossiche). Tutti questi inquinanti verrebbero ripuliti con misure volte a ridurre gli sfiati e le perdite di gas.
  • L'industria nazionale del petrolio e del gas è attualmente in piena espansione grazie a nuove tecnologie come la fratturazione idraulica, che consentono agli sviluppatori di accedere a forniture di gas e petrolio precedentemente irrecuperabili e contribuiscono ad alimentare la ripresa economica. Questa maggiore produzione sarà la fonte di un aumento delle emissioni di metano nei prossimi anni, a meno che non si adottino misure per eliminare le perdite e gli sfiati. Sono inoltre necessarie norme per ridurre al minimo gli sprechi di gas naturale, che ridurrebbero le emissioni di anidride carbonica e di black carbon - una componente tossica dell'inquinamento da particelle che riscalda anche il clima, soprattutto nell'Artico - e di molti altri inquinanti nocivi come gli ossidi di azoto, i composti organici tossici e altri tipi di inquinamento da particelle. Sebbene le emissioni di gas a effetto serra prodotte dal gas naturale siano circa il 40% di quelle prodotte dal carbone, alla fine dovremo dotarci di CCS sia nelle centrali a gas naturale che in quelle a carbone.

È chiaro che i combustibili fossili faranno parte del mix energetico globale, in particolare nei paesi in via di sviluppo, per molti decenni a venire. Quindi, mentre le strategie sopra descritte si concentrano sulla riduzione drastica delle emissioni di gas serra delle centrali elettriche a combustibile fossile e sullo spostamento del mix di combustibili verso il gas naturale a basse emissioni, alla fine dovremo liberare il pianeta dai combustibili fossili e passare ad alternative a zero emissioni di carbonio. Il Consiglio, in modo preveggente, fa eco a questa necessità nella raccomandazione numero quattro: "Sostenere la ricerca sulle tecnologie energetiche pulite di prossima generazione e rimuovere gli ostacoli per la loro eventuale diffusione".." Ciò è particolarmente importante per il settore dei trasporti, dove, ad esempio, i biocarburanti liquidi a zero emissioni di carbonio per gli aerei e l'elettrificazione dell'intero parco auto con batterie di accumulo altamente avanzate devono ancora essere inventati. Allo stesso modo, dobbiamo sviluppare lo stoccaggio su scala di rete dell'energia intermittente prodotta da fonti rinnovabili come l'eolico e il solare. Il Consiglio delinea quindi due componenti di questa raccomandazione, che sono fondamentali per una strategia globale sul cambiamento climatico:

  • "Raccomandiamo di sostenere e, se possibile, aumentare gli investimenti in ricerca e sviluppo nell'innovazione energetica, concentrandosi sulle tecnologie critiche che hanno il potenziale per ridurre drasticamente le nostre emissioni di gas serra nel lungo periodo". In questi tempi di austerità, investimenti governativi massicci come quelli dei progetti Manhattan o Apollo non sono fattibili, ma attraverso una migliore allocazione delle risorse esistenti, riorientando il Dipartimento dell'Energia per concentrarsi sull'innovazione energetica e sfruttando il potere d'acquisto del Dipartimento della Difesa, possiamo fare molto di più con quello che abbiamo.
  • "L'energia nucleare richiede un'attenzione particolare, poiché il ruolo del governo federale è diverso da quello di tutte le altre tecnologie". In quanto fonte a zero emissioni di carbonio, potenzialmente in grado di soddisfare gran parte del futuro fabbisogno energetico del pianeta, l'energia nucleare richiede un'attenzione particolare, soprattutto per risolvere questioni fondamentali come lo smaltimento delle scorie, le minacce terroristiche e la sicurezza degli impianti. Gli attuali progetti di centrali nucleari avanzate e i nuovi concetti sono ancora solo sul tavolo da disegno, e i loro enormi costi a lungo termine previsti presentano formidabili barriere all'ingresso nel mercato. Il Consiglio chiede quindi di eliminare gli ostacoli che impediscono un rinnovato impegno nel settore dell'energia nucleare. Come ha sottolineato l'anno scorso CATF in un documento, snellire il processo di approvazione della NRC sarebbe un primo passo importante.

Concordiamo inoltre con il Consiglio sul fatto che il cambiamento climatico non è una questione nazionale, ma una sfida globale di diversi ordini di grandezza più grande di qualsiasi altra affrontata in precedenza dall'umanità. Se non ci impegniamo con il mondo in via di sviluppo per risolvere congiuntamente il problema, tutti i passi nazionali sopra descritti non riusciranno nemmeno lontanamente ad avvicinarsi a una soluzione globale. Concordiamo quindi pienamente con la raccomandazione numero cinque: "Adottare ulteriori misure per stabilire la leadership degli Stati Uniti sul cambiamento climatico a livello internazionale.." Questo mandato è particolarmente importante per lavorare con la Cina, ora il più grande emettitore di gas serra, su soluzioni comuni. Prendiamo quindi molto seriamente il suggerimento del Consiglio di:

  • " CATF è stata a lungo all'avanguardia nell'intermediazione di partnership tra aziende energetiche statunitensi ed enti energetici cinesi per lo sviluppo di tecnologie energetiche pulite, in particolare per la CCS nelle centrali elettriche a carbone sia negli Stati Uniti che in Cina. Ora stiamo lavorando con loro per sviluppare le loro riserve di gas di scisto in modo responsabile dal punto di vista ambientale, all'inizio del loro boom dello scisto, e stiamo prestando la nostra esperienza anche sul fronte nucleare.

Le raccomandazioni del Consiglio forniscono all'Amministrazione una chiara tabella di marcia per la politica sui cambiamenti climatici. È ora che l'Amministrazione proceda.

Messaggi correlati

Non perderti gli aggiornamenti!

iscriviti per ricevere gli ultimi contenuti di CATF

"*" indica i campi obbligatori