Vai al contenuto principale

Un nuovo studio sulle costruzioni in legno e sul cambiamento climatico globale ha implicazioni regionali nel New England, parte 2

17 marzo 2020 Area di lavoro: Sistemi terrestri

Nella prima parte di questo blog abbiamo esaminato la nuova ricerca di Churkina et al. (2020) che fornisce ulteriori prove dei significativi benefici climatici che potrebbero derivare da un maggiore uso del legno nell'edilizia. Qui analizziamo le conseguenze all'interno delle foreste della gestione attiva delle foreste del New England per la produzione di legno, un aspetto su cui la New England Forestry Foundation e Clean Air Task Force possono esprimersi in modo autorevole.

Queste due organizzazioni hanno lavorato come partner per analizzare i potenziali effetti di una migliore gestione forestale nelle foreste del New England, iniziando a codificare i 76 anni di esperienza di gestione forestale del NEFF e le competenze delle due organizzazioni in materia di silvicoltura in una serie di pratiche forestali intelligenti dal punto di vista climatico, denominate Standard forestali esemplari.

Il NEFF e il sito CATF sostengono questi approcci per le foreste del New England settentrionale e gli standard mirano a garantire un aumento dello stoccaggio del carbonio nelle foreste nei prossimi 30 anni. I partner hanno anche analizzato quanta anidride carbonica aggiuntiva potrebbe essere rimossa dall'atmosfera e immagazzinata negli alberi se queste pratiche forestali fossero applicate in Vermont, New Hampshire e Maine. L'impatto è significativo: Solo nel New England settentrionale potremmo immagazzinare nelle foreste 1,9 gigatoni di anidride carbonica in più: l'equivalente di carbonio che si avrebbe togliendo dalla strada ogni veicolo del New England per più di 20 anni. Questo potenziale è stato recentemente illustrato in un articolo del New York Times: nytimes.com/2019/10/03/opinion/wood-buildings-architecture-cities.html

Una sfida importante per raggiungere l'aumento del patrimonio boschivo previsto dalla Exemplary Forestry (ad esempio, nel Maine nordoccidentale l'aumento del patrimonio arboreo è passato da una media di circa 17 a circa 25 ceppi per acro) è la necessità di mantenere contemporaneamente l'offerta di legname per soddisfare la domanda di materiali da costruzione, in particolare quando le iniziative politiche orientate al clima cercano materiali da costruzione favorevoli al clima. Per soddisfare la domanda di prodotti legnosi e contemporaneamente aumentare le scorte sarà necessario sia aumentare la produttività sia spostare la domanda verso popolamenti in cui il carbonio potrebbe andare perso in ogni caso, ad esempio diradando i popolamenti in cui molti degli alberi moriranno comunque presto.

Il NEFF ha ricevuto una sovvenzione per la ricerca del passo successivo: combinare le tre aree di risparmio di carbonio in un unico scenario ipotetico, la creazione di un edificio in legno di cinque piani a Boston a partire da boschi gestiti in modo sostenibile nel Massachusetts occidentale. Ciò consentirà ai responsabili politici di considerare l'intera gamma di benefici derivanti dalle costruzioni in legno massiccio. Nel tempo, si prevede di estendere questa ricerca identificando gli standard forestali esemplari per tutti i tipi di foreste del New England, calcolando il potenziale di costruzione in legno nelle aree urbane del New England e modellando l'effetto complessivo di mitigazione del clima derivante da una migliore gestione delle foreste del New England e dalla costruzione con il legno nelle aree urbane. Questo lavoro è finalizzato a testare il potenziale proprio qui nel New England per applicare il caso globale presentato da Burkina et al. (2020).

Le analisi del NEFF mostrano che una migliore gestione forestale può aumentare la crescita della foresta di due volte rispetto ai tassi attuali (cfr. Giffen, et al. 2014). Inoltre, coerentemente con gli sforzi per mitigare i cambiamenti climatici, la nostra migliore produttività di legname proviene da popolamenti forestali molto popolati che immagazzinano più carbonio di quanto sia tipico della regione.

Questa conoscenza storica di come le foreste rispondono a una gestione esemplare ci dà la certezza che le foreste del New England potrebbero produrre il materiale necessario per una rivoluzione nell'edilizia urbana, aumentando al contempo lo stoccaggio di carbonio nella foresta. Con la collaborazione di proprietari terrieri, forestali, proprietari di mulini, architetti, costruttori e politici, possiamo trovare una soluzione Forest-to-Cities e dare un contributo importante alla lotta contro il dannoso cambiamento climatico proprio qui nel New England.

Messaggi correlati

Rimanete informati

Sign up today to receive the latest content, news, and developments from CATF experts.

"*" indica i campi obbligatori