Vai al contenuto principale
Pila di rapporti

Nuovo rapporto: Le riforme del controllo delle esportazioni nucleari miglioreranno la disponibilità di energia nucleare per la riduzione delle emissioni di inquinamento climatico

4 dicembre 2017

Queste tecnologie sono fondamentali nel momento in cui il mondo cerca di rispondere alla pressante crisi climatica, in quanto forniscono abbondante energia a zero emissioni di carbonio. Gli Stati Uniti hanno ora l'opportunità di utilizzare la loro eccellenza nell'innovazione dell'energia nucleare e la loro esperienza in materia di sicurezza, non proliferazione e protezione per soddisfare il bisogno globale di abbondante energia pulita.

L'attuale quadro di controllo delle esportazioni regolamenta l'accesso degli Stati Uniti ai mercati esteri, che sono quelli in cui si svolge la maggior parte delle azioni in materia di energia nucleare. Con l'esaurirsi del mercato interno statunitense per la costruzione di reattori e la prevista grande crescita della produzione di energia nucleare nei Paesi non OCSE, le aziende statunitensi dipenderanno sempre più dagli affari di altri Paesi. Ciò significa che il contributo degli Stati Uniti all'innovazione nella progettazione dei reattori, in grado di ridurre l'inquinamento atmosferico e le emissioni di gas serra, dipenderà in parte dall'accesso efficiente ai mercati esteri.

La Nuclear Innovation Alliance ha pubblicato oggi un rapporto che raccomanda modifiche per migliorare l'efficienza dei controlli sulle esportazioni di tecnologie per l'energia nucleare. Non solo un accesso più efficiente ai mercati esteri è un'esigenza economica, ma la partecipazione delle aziende statunitensi al commercio globale dell'energia nucleare è importante per mantenere l'influenza degli Stati Uniti sulle norme di sicurezza, protezione e non proliferazione nucleare a livello mondiale, e quindi serve anche un imperativo di sicurezza nazionale e globale.

Il rapporto della Nuclear Innovation Alliance mostra che alcuni aspetti del processo di controllo delle esportazioni degli Stati Uniti sono inefficienti e ritardano l'accesso ad alcuni mercati globali senza che vi sia un beneficio convincente per la sicurezza. Il rapporto fa luce sulle fonti di ritardo esistenti nel processo di controllo delle esportazioni nucleari degli Stati Uniti e formula raccomandazioni per affrontarle. In particolare, le attuali norme contenute nella parte 810 del CFR 10, che regolano il trasferimento di tecnologie non classificate per l'energia nucleare ad altri Paesi, prevedono che gli enti statunitensi chiedano al Segretario dell'Energia, con il consenso del Dipartimento di Stato, una "specifica autorizzazione" per il trasferimento di tecnologie per l'energia nucleare a determinati Paesi. Questo da solo non è un problema, ma i tempi di elaborazione delle autorizzazioni specifiche hanno subito un rallentamento rispetto agli anni '90 (vedi Figura 1). Questi lunghi ritardi si traducono in uno svantaggio quando le aziende statunitensi si trovano a competere con i principali fornitori nucleari russi, coreani e di altri Paesi per gli affari internazionali.

Figura 1: Tempo medio di elaborazione

Una richiesta di Freedom of Information Act (FOIA) da parte del sito Clean Air Task Force ci ha permesso, insieme alla Nuclear Innovation Alliance, di analizzare dove si trovano le difficoltà nel processo di autorizzazione specifico della Parte 810. Quando le aziende statunitensi presentano al Dipartimento dell'Energia degli Stati Uniti (DOE) la richiesta di autorizzazione a svolgere attività commerciali in determinati Paesi, ci sono diverse fasi prima che il Segretario dell'Energia determini ufficialmente che l'attività proposta non è contraria agli interessi degli Stati Uniti. I dati forniti dal DOE e dalla National Nuclear Security Administration (una componente del DOE) mostrano la durata di ciascuna fase, come illustrato nella Tabella 1.

Tabella 1: Quattro fasi Tempo di revisione

I dati illustrano anche i tempi di risposta delle agenzie durante la fase di revisione interagenzie, come illustrato nella Tabella 2. Il Dipartimento di Stato deve dare il suo consenso e chiedere garanzie da governo a governo ai governi stranieri per le transazioni in cui sono ritenute necessarie, mentre le altre Agenzie si limitano a consultarsi sul processo.

Tabella 2 Tempo di risposta delle agenzie

La lunghezza dell'attuale processo di autorizzazione specifica della Parte 810 limita la capacità degli Stati Uniti di diffondere la cultura della sicurezza e della non proliferazione nei programmi di energia nucleare di altri Paesi. Un processo di controllo delle esportazioni inefficiente ritarda anche l'avanzamento delle tecnologie innovative per l'energia nucleare, bloccando così i progressi nella costruzione di un futuro energetico pulito e a basse emissioni di carbonio. I dati del FOIA aiuteranno a far luce sui problemi emersi nei controlli delle esportazioni statunitensi, in modo da poterli risolvere.

Il nuovo rapporto della Nuclear Innovation Alliance raccomanda modi per rendere più efficiente questo processo, senza perdere il suo valore fondamentale per gli obiettivi di sicurezza e non proliferazione degli Stati Uniti. Il rapporto sottolinea quanto sia critico per il governo degli Stati Uniti migliorare l'efficienza dei controlli sulle esportazioni nucleari statunitensi e Clean Air Task Force chiede un'azione rapida per attuare le raccomandazioni del rapporto.

Messaggi correlati

Rimanete informati

Sign up today to receive the latest content, news, and developments from CATF experts.

"*" indica i campi obbligatori