Vai al contenuto principale

Afferrare le pagliuzze: Un argomento inconsistente per attaccare l'imminente regolamentazione dell'EPA sulle emissioni di gas serra delle centrali elettriche esistenti

4 novembre 2014

Recentemente, alcuni avvocati del settore si sono arrampicati sugli specchi nel tentativo di dire all'EPA che non può regolamentare la fonte più significativa di gas serra negli Stati Uniti - le emissioni delle centrali elettriche a carbone esistenti - ai sensi del Clean Air Act. Anche la settimana scorsa, l'avvocato di Sidley Austin Roger Martella ha presentato la sua testimonianza per un'udienza della sottocommissione congiunta per l'ambiente e l'energia della Camera dei Deputati, sostenendo che l'EPA non può regolamentare le fonti di gas serra delle centrali elettriche esistenti - che rappresentano circa il 40% dell'inquinamento da anidride carbonica prodotto dall'uomo negli Stati Uniti - perché le centrali elettriche sono tenute, ai sensi della legge, a controllare i loro prodotti tossici per l'aria. Questa non è solo un'argomentazione sciocca, dal punto di vista politico, ma è anche sbagliata. Sembra che nessuno degli avvocati che la ripetono, compreso l'ex consigliere della Casa Bianca C. Boyden Gray, abbia fatto i compiti a casa.

Leggendo, si scopre che questa argomentazione è infondata. Di recente ho pubblicato un saggio di risposta alla stessa argomentazione di un altro avvocato, Brian Potts, sullo Yale Journal of Regulation Onlineche può essere letto integralmente al seguente indirizzo: http://jreg.commons.yale.edu/essay-responding-to-brian-h-potts/.

In breve, la risposta corretta è la seguente: dal 1970, l'EPA regolamenta gli inquinanti "gap" ai sensi della sezione 111(d) del Clean Air Act, ossia quegli inquinanti che inquinanti che non sono NAAQS né NAAQS inquinanti atmosferici pericolosi ("HAPS"), come ad esempio i gas a effetto serra. Ciò ha senso dal punto di vista politico, perché evita la duplicazione della regolamentazione: le fonti esistenti di inquinanti NAAQS sono regolamentate dai piani di attuazione statali, mentre le fonti esistenti di sostanze tossiche per l'aria sono regolamentate dalle norme sulle sostanze tossiche di cui alla sezione 112. Inoltre, l'approccio dell'EPA è corretto dal punto di vista legale: è ciò che i regolamenti EPA 111(d) dicono fin dagli anni '70, riflettendo il modo in cui lo statuto è stato originariamente scritto, e deve ancora essere interpretato se letto correttamente.

Poi, nel 1990, il Congresso ha apportato modifiche significative alle disposizioni sui tossici dell'aria, passando da un sistema in cui l'EPA "elencava" gli inquinanti e poi li regolamentava, a un sistema in cui il Congresso elencava gli HAP e poi l'EPA elencava le industrie e le regolamentava.

Nell'ambito delle modifiche apportate all'ultimo minuto ad altre sezioni della legge, tra cui la sezione 111(d), che riflette le modifiche apportate alle disposizioni sulle sostanze tossiche per l'aria, sia il Senato che la Camera hanno modificato il linguaggio della 111(d) relativo agli inquinanti gassosi, per cercare di seguire le modifiche apportate alla sezione 112. Sfortunatamente, hanno commesso un errore in questa fase di pulizia: la versione della Camera che è stata fatta per prima è un pasticcio. Appare nella codificato statuto codificato. Il Senato ha poi ripulito il pasticcio della Camera, con una modifica successiva che riafferma più chiaramente la politica di lunga data "riguarda gli inquinanti gassosi". Sia la versione della Camera che quella del Senato appaiono negli Statutes at Large, che sono l'evidenza di controllo delle leggi degli Stati Uniti. Ma la regola del "last-in-time", cioè dell'ultima versione promulgata, è valida! Ciò significa che la versione del Senato, che conferma chiaramente che il 111(d) si applica alle fonti esistenti di inquinanti gap, è la legge. Questo è un esempio perfetto del motivo per cui il Congresso non effettua cambiamenti politici radicali con emendamenti di carattere generale. Gli avvocati dell'industria che sostengono che l'EPA non può regolamentare i gas serra dovrebbero saperlo bene. E ora voi (e loro) lo sapete.

Messaggi correlati

Non perderti gli aggiornamenti!

iscriviti per ricevere gli ultimi contenuti di CATF

"*" indica i campi obbligatori