Vai al contenuto principale
Costa dell'Europa settentrionale

Il rapporto dell'IPCC sottolinea l'importanza di portare avanti un ampio portafoglio di strategie di mitigazione e di ridurre rapidamente le emissioni di metano.

4 aprile 2022 Area di lavoro: Nucleare avanzato, cattura del carbonio, accesso all'energia, metano, energia superhot rock, Combustibili a zero emissioni di carbonio

Il Gruppo intergovernativo di esperti sul cambiamento climatico (IPCC) ha pubblicato oggi il rapporto del Gruppo di lavoro III sulla mitigazione. Tra le altre raccomandazioni, il rapporto invita a creare quadri analitici più diversificati che considerino l'intera portata della sfida climatica, sottolineando l'importanza di promuovere un ampio portafoglio di strategie di mitigazione e di tecnologie prive di carbonio per raggiungere gli obiettivi climatici mondiali. Il rapporto sottolinea anche l'importanza di ridurre rapidamente le emissioni di metano per evitare punti di svolta climatici a breve termine. 

"Il nuovo rapporto dell'IPCC non usa mezzi termini", ha dichiarato Armond Cohen, direttore esecutivo di Clean Air Task Force."Siamo lontani da dove dovremmo essere, l'approccio attuale non funziona e dobbiamo cambiare il paradigma per fare i conti con l'intera portata della sfida. Ciò significa considerare l'intera portata della sfida e tirare fuori ogni leva disponibile per ridurre le emissioni di gas serra, sviluppando e distribuendo rapidamente una serie completa di tecnologie senza carbonio e altre soluzioni climatiche su scala. Significa anche porsi domande difficili, come ad esempio: come possiamo decarbonizzare la nostra economia globale e allo stesso tempo soddisfare la crescente domanda di energia? Come conciliare la necessità di costruire enormi quantità di infrastrutture per l'energia pulita con i crescenti vincoli territoriali? Come si inseriscono le dinamiche geopolitiche in evoluzione in un'economia mondiale decarbonizzata? La creazione di un sistema energetico globale a emissioni nette zero non è realizzabile senza trovare la strada attraverso questo tipo di sfide complesse e di compromessi. È incoraggiante vedere che l'IPCC riconosce la necessità di identificare i rischi e di introdurre quadri analitici più diversificati nella nostra pianificazione della mitigazione del clima". 

"CATF è particolarmente lieta di vedere che l'IPCC riconosce formalmente l'importanza di un insieme avanzato di soluzioni climatiche come la cattura del carbonio, l'idrogeno e l'energia nucleare. Questo problema è più grande di qualsiasi settore o soluzione. Si tratta di una riorganizzazione fondamentale del nostro sistema energetico in tempi record e avremo bisogno di più opzioni sul tavolo, non di meno. È giunto il momento di riconoscere l'intera portata della sfida e di mettersi al lavoro per promuovere l'intera serie di soluzioni necessarie per affrontarla. Siamo inoltre incoraggiati a vedere nel rapporto l'importanza della riduzione delle emissioni di metano, che è fondamentale per ridurre immediatamente il riscaldamento globale ed evitare di superare i punti critici del clima". 

Per quanto riguarda il metano, il rapporto del Gruppo di lavoro III dell'IPCC ha sottolineato l'imperativo di ridurre le emissioni di metano, chiedendo una riduzione del 33% delle emissioni globali di metano entro il 2030. Ha inoltre riconosciuto l'importanza delle tecnologie di cattura e stoccaggio del carbonio e di rimozione del carbonio per decarbonizzare sia il settore dell'energia elettrica che le emissioni industriali difficili da abbattere, come la produzione di acciaio, il trasporto pesante, la produzione chimica, la gestione dei rifiuti e la produzione di cemento. Infine, il rapporto sottolinea l'importanza delle fonti energetiche pulite per integrare la rapida crescita dell'energia eolica e solare. CATF sostiene l'avanzamento di una serie di opzioni in questa categoria, tra cui l'energia nucleare, l'idrogeno a basse emissioni, la cattura del carbonio e la geotermia da rocce superhot. 

CATFGli esperti dell'organizzazione, provenienti da tutte le aree di lavoro, hanno fornito le seguenti prospettive: 

Sarah Smith, direttore del programma Superinquinanti: 

"Il riconoscimento da parte dell'IPCC dell'urgente necessità di ridurre le emissioni di metano è un segnale forte per il crescente movimento dedicato a questo lavoro in tutto il mondo. Abbiamo il consenso scientifico sulla necessità di un'azione rapida e sappiamo che un'enorme fetta di emissioni di metano può essere eliminata con la tecnologia esistente. Ciò di cui abbiamo bisogno ora è uno sforzo concertato da parte dei leader mondiali per mantenere le promesse fatte durante la COP26, garantendo un'azione tangibile per prevenire il riscaldamento nel breve termine." 

Lee Beck, direttore internazionale di Carbon Capture: 

"Il rapporto del Gruppo di lavoro III dell'IPCC riconosce la necessità di opzioni tecnologiche per evitare la dipendenza dal percorso e sottolinea che tali opzioni varieranno in base alle circostanze economiche regionali e politiche. Si tratta di un importante passo avanti. Il rapporto chiarisce anche che non possiamo permetterci di costruire nuove infrastrutture senza alcuno sforzo e che dobbiamo trasformare le risorse esistenti in modo che siano allineate al clima, o addirittura ritirarle. Il rapporto afferma chiaramente che per ottenere una decarbonizzazione profonda, ogni settore ha bisogno di opzioni praticabili. La cattura e lo stoccaggio del carbonio e le soluzioni di rimozione permanente del carbonio sono due di queste opzioni critiche per la mitigazione del clima. Per implementare queste tecnologie alla scala e alla velocità necessarie, dobbiamo creare condizioni favorevoli che forniscano strumenti politici e normativi adeguati e sostegno politico". 

Magnolia Tovar, Direttore delle politiche sui combustibili a zero emissioni di carbonio, Europa:

"Siamo lieti che il rapporto dell'IPCC riconosca l'importanza dei combustibili decarbonizzati come l'idrogeno per limitare il riscaldamento globale. Per decarbonizzare i settori difficili da elettrificare, dobbiamo passare dai carburanti ad alta intensità di carbonio a molecole decarbonizzate come l'idrogeno, prodotte attraverso una serie di tecnologie benefiche per il clima, in grado di soddisfare la domanda energetica di questi settori. Il rapporto dell'IPCC riconosce anche le sfide legate alla diffusione di questi carburanti, tra cui i costi elevati e lo sviluppo delle infrastrutture. È urgente fornire un quadro normativo adeguato per superare le attuali sfide individuate lungo la catena del valore dell'idrogeno, in modo da poter realizzare i benefici climatici di questi combustibili." 

Jonathan Lewis, direttore di Transportation Decarbonization:  

"Eliminare l'inquinamento dannoso per il clima e la salute prodotto da un settore dei trasporti in crescita richiede una pianificazione regionale più intelligente, nuove modalità di mobilità e, forse più importante, una transizione globale verso vettori energetici privi di carbonio come l'elettricità e l'idrogeno. Come riconosce l'IPCC, l'idrogeno e i carburanti derivati dall'idrogeno possono contribuire a decarbonizzare i settori dell'aviazione, del trasporto marittimo e degli autocarri pesanti, offrendo al contempo miglioramenti della qualità dell'aria e altri benefici collaterali. L'IPCC osserva inoltre che per realizzare i benefici del trasporto a idrogeno sono necessari "miglioramenti del processo produttivo e riduzioni dei costi": un richiamo tempestivo alla necessità di perseguire molteplici percorsi basati sull'elettrolisi e sulla cattura del carbonio per la produzione di idrogeno a basse emissioni di carbonio." 

Carlos Leipner, direttore di Global Nuclear Energy Strategy: 

"Il rapporto dell'IPCC rafforza la necessità di un approccio aggressivo e pragmatico alla decarbonizzazione della matrice energetica globale entro la metà del secolo. Questa transizione e trasformazione energetica dovrebbe sfruttare tutte le soluzioni tecnologiche attualmente disponibili, piuttosto che concentrarsi su una strategia più limitata. Da questo punto di vista, il rapporto IPPC non prende adeguatamente in considerazione le soluzioni energetiche prive di carbonio come la tecnologia nucleare, che attualmente fornisce una quota significativa di generazione affidabile e priva di carbonio in tutto il mondo. La diffusione di tecnologie avanzate per i reattori nucleari nei prossimi anni consentirà un'ulteriore decarbonizzazione di settori difficili da abbattere, come la navigazione marittima, le applicazioni industriali, la produzione di combustibili a zero emissioni di carbonio e altri segmenti difficili da elettrificare. Evitare di includere l'energia nucleare nelle strategie di decarbonizzazione non solo perde un'opportunità fondamentale, ma potrebbe mettere a rischio il raggiungimento degli obiettivi di zero emissioni". 

Bruce Hill, capo geologo: 

"È incoraggiante che l'IPCC sottolinei la necessità di sviluppare ulteriori tecnologie pulite e ferme, e che riconosca la necessità di tenere conto dei vincoli legati all'uso del suolo nei percorsi di decarbonizzazione. Ci sorprende, tuttavia, che la geotermia di nuova generazione - e in particolare la geotermia da rocce superhot - non sia presente nelle raccomandazioni del rapporto. La geotermia da rocce superhot ha il potenziale per fornire energia rinnovabile competitiva, a carico di base e a zero emissioni di carbonio, praticamente ovunque sul pianeta, nonché il potenziale per generare idrogeno a zero emissioni di carbonio sulla scala necessaria per decarbonizzare l'industria pesante. Infine, questa tecnologia rivoluzionaria potrebbe aiutare il mondo a passare a un sistema energetico privo di emissioni di carbonio, dando una svolta all'industria dei combustibili fossili - cosa che, secondo gli autori del rapporto, è necessaria per affrontare il cambiamento climatico". 

Lily Odarno, direttore di Energy and Climate Innovation, Africa: 

"Le prove sono chiare. Abbiamo bisogno di un'azione urgente e radicale per evitare un cambiamento climatico catastrofico. Allo stesso tempo, il rapporto dell'IPCC è chiaro sul fatto che l'eliminazione della povertà, l'equità e lo sviluppo non possono essere elusi sulla strada della protezione del clima. Oggi più che mai, i Paesi africani hanno bisogno del giusto menu di opzioni per sviluppare i loro sistemi energetici e far crescere le loro economie entro i limiti climatici. Abbiamo bisogno di una cassetta degli attrezzi completa, che comprenda alternative energetiche pulite, fonti rinnovabili intermittenti, strategie per la gestione delle emissioni di carbonio nelle economie africane ricche di combustibili fossili e nuovi sforzi per rafforzare le infrastrutture di rete e i mercati energetici regionali dell'Africa. Qualsiasi cosa al di sotto di questo approccio olistico rischia di mancare il bersaglio". 

Kathy Fallon, direttore di Global Land Use and Climate Change: 

"Il rapporto dell'IPCC rende evidente che siamo entrati in una nuova fase nel tentativo di rimanere al di sotto di 1,5 gradi centigradi di riscaldamento. Ora dobbiamo abbassare il rubinetto per ridurre le emissioni di gas serra e aprire lo scarico per rimuovere più anidride carbonica dall'atmosfera il prima possibile".  

Le foreste e altri paesaggi offrono un'opzione esistente ed economicamente vantaggiosa per la rimozione del biossido di carbonio. Ma esistono sfide contabili e rischi di riemissione a causa di eventi come gli incendi boschivi. È quindi importante stabilire solide barriere di protezione e sviluppare un portafoglio di opzioni di rimozione che si evolva verso una maggiore durata dello stoccaggio del carbonio nel tempo. Nel breve termine, i difetti strutturali del sistema di accreditamento del carbonio devono essere affrontati se si vuole che le rimozioni terrestri, pronte per l'uso, svolgano un ruolo utile nella mitigazione del clima. Un passo importante in questa direzione è la definizione di requisiti di divulgazione rigorosi per i crediti di carbonio utilizzati da aziende e governi negli Stati Uniti e in tutto il mondo per rispettare i loro impegni climatici". 


Contatti con la stampa

Troy Shaheen, Direttore delle comunicazioni, Stati Uniti, Clean Air Task Force, tshaheen@catf.us, +1 845-750-1189

Rowan Emslie, Direttore delle comunicazioni, Europa, Clean Air Task Force, remslie@cleanairtaskforce.org,+32 476 97 36 42

Circa Clean Air Task Force

Clean Air Task Force (CATF) è un'organizzazione globale senza scopo di lucro che lavora per salvaguardarsi dai peggiori impatti del cambiamento climatico catalizzando il rapido sviluppo e la diffusione di energia a basso contenuto di carbonio e di altre tecnologie per la protezione del clima. Con 25 anni di esperienza riconosciuta a livello internazionale in materia di politica climatica e un forte impegno nell'esplorare tutte le potenziali soluzioni, CATF è un gruppo di advocacy pragmatico e non ideologico con le idee coraggiose necessarie per affrontare il cambiamento climatico. CATF ha uffici a Boston, Washington D.C. e Bruxelles, con personale che lavora virtualmente in tutto il mondo.  

Messaggi correlati

Non perderti gli aggiornamenti!

iscriviti per ricevere gli ultimi contenuti di CATF

"*" indica i campi obbligatori