Vai al contenuto principale
Svasatura

Gli Stati Uniti e l'UE introducono il Global Methane Pledge per ridurre il metano

17 settembre 2021 Area di lavoro: Metano

Il Presidente degli Stati Uniti Joe Biden e il Presidente dell'Unione Europea Ursula von der Leyen hanno presentato oggi un nuovo storico impegno globale sul metano per ridurre collettivamente le emissioni di metano di almeno il 30% entro il 2030. Sarah Smith, direttore del programma Super Pollutants, definisce l'impegno "un'enorme dimostrazione di ambizione e un chiaro segno che alcuni leader mondiali riconoscono ora l'urgente necessità di ridurre l'inquinamento da metano".

Il Global Methane Pledge è il primo impegno politico globale che riconosce i pericoli per il clima derivanti dal metano, un gas a effetto serra circa 80 volte più potente della CO2 in un periodo di 20 anni. Con gli sforzi globali complementari per ridurre l'anidride carbonica, le ambizioni dell'impegno sono in linea con ciò che il Gruppo intergovernativo di esperti sul cambiamento climatico (IPCC), il Programma delle Nazioni Unite per l'ambiente (UNEP) e la Coalizione per il clima e l'aria pulita (CCAC) hanno ritenuto necessario per evitare che il riscaldamento globale superi 1,5°C e per contribuire a evitare pericolosi punti di svolta climatici.

Il Presidente Biden e la Presidente von der Leyen hanno annunciato oggi il Global Methane Pledge nell'ambito di una riunione delle principali economie. Altri Paesi sono incoraggiati ad aderire all'impegno in vista del suo lancio ufficiale alla COP26 di Glasgow, in Scozia, il prossimo novembre.

Smith ha continuato:

"La scienza ci dice che ci rimane pochissimo tempo per rallentare il riscaldamento globale prima di alterare in modo permanente il nostro ambiente. Il modo più rapido per frenare il riscaldamento è ridurre l'inquinamento da metano e l'impegno globale per il metano, recentemente introdotto, è un gradito passo avanti verso questo obiettivo. Lodiamo l'ambizione di tutti i Paesi che hanno firmato l'impegno e invitiamo quelli che non l'hanno ancora fatto a unirsi a questo fondamentale sforzo collettivo. Il cambiamento climatico è una crisi globale e possiamo affrontarla solo con una risposta rapida e globale".

L'impegno arriva mentre i Paesi si trovano ad affrontare una crescente pressione per ridurre le emissioni di metano, in particolare quelle prodotte dalle industrie petrolifere e del gas nazionali. Il recente rapporto AR6 dell'IPCC ha chiaramente identificato l'inquinamento da metano come uno dei principali fattori del riscaldamento globale e gruppi come CATF hanno documentato un esteso inquinamento da metano da parte di siti petroliferi e di gas negli Stati Uniti, nell'Unione Europea, in America Latina e in Africa, anche nei Paesi che hanno firmato il Global Methane Pledge.

"È fantastico vedere paesi con un ruolo così critico nella riduzione delle emissioni di metano firmare il Global Methane Pledge", ha dichiarato Smith, "e questa dimostrazione di ambizione deve essere seguita da un'azione immediata. Ciò include standard completi per ridurre l'inquinamento da metano del settore petrolifero e del gas, in ogni sito, ovunque. Gli Stati Uniti, il Regno Unito e l'Unione Europea hanno dimostrato una vera leadership nel riunire i Paesi attorno a questo impegno, e devono continuare a farlo fissando loro stessi standard forti per il metano".

Unione europea: L'impegno arriva qualche mese prima dell'annuncio della Commissione europea sulla riduzione delle emissioni di metano nel settore energetico. Si tratta di una parte fondamentale del secondo ciclo di annunci Fit For 55 previsto per dicembre. Jonathan Banks, direttore internazionale di Super Pollutants, ha dichiarato: "Con questa nuova base internazionale, l'UE deve mettere in atto un quadro politico completo che affronti il problema delle emissioni di metano da petrolio e gas consumate all'interno dei suoi confini".

Stati Uniti: "Mentre l'EPA statunitense sviluppa norme aggiornate sul metano per il settore petrolifero e del gas, l'Agenzia ha l'opportunità cruciale di fare un grande passo avanti verso standard di metano leader a livello mondiale e verso l'attuazione del Global Methane Pledge", ha dichiarato Smith. CATF ha sviluppato un progetto per ridurre le emissioni di metano del settore petrolifero e del gas negli Stati Uniti del 65% utilizzando la tecnologia attualmente disponibile e a costi minimi per l'industria.

CATF collabora con i governi nazionali, le ONG e i leader dell'industria per mettere in atto solidi piani di attuazione per ridurre rapidamente l'inquinamento da metano e si augura di lavorare con i Paesi desiderosi di mettere in pratica le loro ambizioni.

Paesi come la Nigeria, il Canada, il Messico, l'Ecuador, la Colombia, l'UE e gli Stati Uniti stanno compiendo passi concreti in materia di metano con il sostegno di CATF. Questo annuncio fornisce una chiara indicazione della direzione in cui sta soffiando il vento e ci aspettiamo che altri Paesi seguano il nostro esempio. Per i Paesi che non si sono ancora impegnati a ridurre le emissioni di metano, la COP26 sarà il momento giusto per unirsi a questo movimento internazionale e noi siamo pronti a collaborare con i Paesi che stanno valutando il modo migliore per contribuire a questo obiettivo globale. Il nostro clima non può permettersi ulteriori ritardi sul metano".

CATF può fornire immagini video e fisse di pennacchi di metano e di impianti petroliferi e di gas.


Contatti con la stampa

Nord America: Troy Shaheen, Direttore delle comunicazioni, Stati Uniti, tshaheen@catf.us, +1 845-750-1189

Europa: Rowan Emslie, Direttore Comunicazioni, UE, remslie@cleanairtaskforce.org,+32 476-97-36-42

Circa Clean Air Task Force

Clean Air Task Force (CATF) è un'organizzazione senza scopo di lucro che lavora per salvaguardarsi dai peggiori impatti del cambiamento climatico catalizzando il rapido sviluppo e la diffusione a livello globale di energia a basse emissioni di carbonio e di altre tecnologie per la protezione del clima. Lavoriamo per raggiungere questi obiettivi attraverso la ricerca e l'analisi, la leadership nell'advocacy pubblica e la partnership con il settore privato. Con quasi 25 anni di esperienza riconosciuta a livello nazionale e internazionale in materia di politiche e normative per l'aria pulita e un forte impegno nell'esplorazione completa di tutte le potenziali soluzioni, CATF è un gruppo di difesa ambientale con le idee coraggiose necessarie oggi per risolvere la crisi climatica. CATF ha sede a Boston, con personale che lavora virtualmente in tutti gli Stati Uniti e all'estero.

Messaggi correlati

Non perderti gli aggiornamenti!

iscriviti per ricevere gli ultimi contenuti di CATF

"*" indica i campi obbligatori