Vai al contenuto principale

Le reti transfrontaliere di CO2 in Europa iniziano a prendere forma

21 febbraio 2023 Area di lavoro: Cattura del carbonio

A dicembre, la Commissione europea ha pubblicato l'elenco dei 18 progetti in lizza per essere formalmente riconosciuti come elementi chiave dell'infrastruttura emergente dell'UE per il trasporto e lo stoccaggio dellaCO2. In base al regolamento sulle Reti transeuropee per l'energia (TEN-E), ogni due anni viene pubblicato un elenco di "Progetti di interesse comune" (PCI) e le reti transfrontaliere di trasporto e stoccaggio dellaCO2 sono una delle aree prioritarie di sviluppo. I candidati prescelti possono ottenere una serie di vantaggi, tra cui una più rapida autorizzazione e l'accesso ai finanziamenti attraverso il Meccanismo per collegare l'Europa.

Lasesta lista PCI di quest'anno - la quarta che include le retidi CO2 - è di particolare interesse perché arriva dopo un'importante revisione del regolamento TEN-E nel 2022. A seguito di una campagna di successo condotta da Bellona e Clean Air Task Force, la categoria delle reti diCO2 è stata aperta ai progetti di stoccaggio geologico - un'inclusione fondamentale data la grave carenza di progetti di stoccaggiodi CO2 attualmente in cantiere. Tutti i PCI devono collegare due o più Stati membri, ed è stata introdotta anche la designazione "Progetti di reciproco interesse" (PMI) per i progetti che includono Stati non membri dell'UE ("Paesi terzi").

Quest'ultimo elenco di candidati rappresenta un aumento sostanziale rispetto agli otto progetti che hanno presentato domanda per ilquinto elenco, indicando il crescente slancio in Europa per la cattura e lo stoccaggio del carbonio come elemento vitale per la decarbonizzazione industriale. Significativa è anche la portata geografica molto più ampia dell'attuale selezione; mentre in precedenza i progetti erano limitati al Mare del Nord, ora vediamo interesse dai quattro angoli del continente, dall'Islanda alla Grecia e dalla Spagna alla Lituania.

Il Mare del Nord consolida il suo status di hub di stoccaggio

La maggior parte dei progetti rimane comunque concentrata nel Mare del Nord, dove gli operatori storici del settore petrolifero e del gas (così come i nuovi arrivati) cercano di sviluppare l'enorme potenziale offshore per lo stoccaggio geologico. Il gruppo di progetti di rete transfrontaliera per laCO2 in questa regione mira principalmente a collegare diversi siti di stoccaggio pianificati con i cluster dell'industria pesante nel nord della Francia, del Belgio, dei Paesi Bassi e della Germania. Alcuni di questi, tra cui i porti di Dunkerque, Anversa e Rotterdam, erano già presenti in qualche forma nella lista del PCI; tra le iniziative più recenti ci sono i piani per i terminali di esportazione diCO2 a Le Havre (Francia), Zeebrugge (Belgio) e Wilhelmshaven (Germania).

Il trasporto diCO2 da emettitore a stoccatore è emerso rapidamente come una scelta popolare per i primi progetti in Europa, grazie alla sua flessibilità e ai minori costi iniziali, e rimane una caratteristica fondamentale del nuovo elenco, con circa 15 terminali di importazione o esportazione citati nelle descrizioni del PCI. Tuttavia, l'elenco presenta anche alcune importanti iniziative di gasdottiper la CO2, tra cui l'ambizioso piano guidato da Equinor di collegare Zeebrugge e Wilhelmshaven con nuovi grandi siti di stoccaggio sulla piattaforma continentale norvegese attraverso fino a 900 km di gasdotto. I gasdotti possono offrire costi di trasporto complessivi molto più bassi rispetto al trasporto marittimo, ma sono ad alta intensità di capitale e si baseranno sulla certezza a lungo termine di grandi volumi diCO2 catturata.

Sebbene la maggior parte dei progetti di stoccaggio nel Mare del Nord menzionati dai candidati siano piani già esistenti, come Northern Lights, Aramis nei Paesi Bassi e Bifrost della Total in Danimarca, ci sono anche alcune proposte relativamente nuove. In particolare, spicca il progetto Norne della Danimarca, che comprende due progetti di stoccaggio onshore, ciascuno dei quali dovrebbe essere collegato a strutture di importazione diCO2 proposte nei porti vicini. Dopo i primi fallimenti dovuti alla scarsa accettazione da parte dell'opinione pubblica, c'è da tempo una certa cautela nei confronti dello stoccaggio diCO2 a terra nell'UE, ma con cinque proposte onshore sulla lista, gli sviluppatori stanno evidentemente iniziando a considerarlo un'opportunità praticabile e a basso costo nel giusto contesto.

Il trasporto interno assume diverse forme

Guardando oltre la costa del Mare del Nord, diversi progetti riflettono la chiara necessità di collegare i terminali di esportazione pianificati ai produttori di emissioni diCO2 dell'entroterra, tramite condotte, chiatte, ferrovie o strade. Le zone industriali della Germania occupano un posto di rilievo in questi piani, che includono l'iniziativa Delta Pipeline per collegare Rotterdam alla regione fortemente industrializzata della Renania Settentrionale-Vestfalia e più a sud a Ludwigshafen. Questo fa parte di un piano più ampio dell'operatore della rete del gas OGE, che ha presentato un progetto per una rete di gasdottiper la CO2 che copra gran parte del Paese. Sono previste anche altre modalità di trasporto, tra cui un piano per portare laCO2 da Duisburg lungo il Reno nell'ambito del progetto Nautilus.

Il collegamento con il Baltico

Grazie alla relativa facilità di accesso via nave al Mare del Nord, la costa baltica è un'altra area emergente per l'esportazione diCO2. I piani per un terminal a Danzica sono già stati inseriti nella lista del PCI, portando a diversi piani di cattura dellaCO2 nella zona, e l'hub compare di nuovo insieme a un'iniziativa simile a Klaipeda, in Lituania. Entrambi gli hub promettono di aggregare le emissioni delle aree circostanti per l'esportazione, utilizzando, se necessario, ferrovia, condutture o chiatte.

Attività emergenti nel Mediterraneo

Forse le aggiunte più significative all'attuale elenco di candidati sono la nuova ondata di proposte in tutta l'Europa meridionale. Sebbene la maggior parte di esse sia stata annunciata in qualche forma negli ultimi due anni, il riconoscimento del PCI potrebbe rappresentare un passo importante verso la realizzazione. Nei Pirenei francesi, il progetto Pycasso è un altro progetto di stoccaggio onshore che mira a sfruttare l'ingente risorsa di stoccaggio geologico, già accennata con il successo del progetto pilota Lacq (2010-2013). L'iniziativa mira a raccogliereCO2 da tutta la Francia sud-occidentale e a collegarsi con la Spagna via nave fino al porto di Bayonne, oppure attraverso un gasdotto che attraversa le montagne. Il progetto Callisto ruota attorno all'hub italiano di Ravenna, da tempo in stallo, che ha dato segni di vita l'anno scorso con la costituzione di una joint venture tra Eni e Snam. Essendo una delle poche prospettive di stoccaggio a breve termine nel Mediterraneo, Callisto cerca di collegare l'hub via nave al grande polo industriale vicino a Marsiglia, nonché agli emettitori dell'entroterra in Francia e in Italia. In Grecia, anche il sito di stoccaggio Prinos di Energean - come Ravenna, basato su un giacimento di gas esaurito - si propone come bacino permanente per laCO2 nel Mediterraneo orientale, includendo un piano specifico per spedire il gas serra da un cementificio in Sicilia.

Infine, gli sviluppatori croati hanno proposto un sito di stoccaggio nel nord-est del Paese come mezzo per decarbonizzare la produzione di cemento, sia in Croazia che oltre confine, in Ungheria.

Una rete europea

Alcuni di questi candidati non saranno selezionati una volta approvata la lista finale a novembre, anche se le loro possibilità di avanzamento possono essere migliorate rispondendo alla consultazione aperta dell 'UE entro il16 marzo. Molti dei piani sono ancora in fase iniziale e la maggior parte tende a rimanere necessariamente vaga, elencando spesso un'ampia gamma di possibili opzioni di trasporto o destinazioni di stoccaggiodella CO2. Tuttavia, essi tracciano un quadro informativo di come potrebbe apparire e funzionare un'infrastruttura diCO2 veramente interregionale, qualora si verificassero il sostegno politico e gli investimenti industriali appropriati. Sebbene siano un'integrazione essenziale per alcuni dei progetti in corso, i finanziamenti del Meccanismo per collegare l'Europa non bastano da soli a giustificare un investimento. In Europa, il prezzo del carbonio nell'ambito del sistema ETS è il motore fondamentale della decarbonizzazione, e l'ondata di interesse per la cattura e lo stoccaggio del carbonio deve molto alla sua recente forza. Una pianificazione razionale di infrastrutture ottimizzate e su larga scala attraverso strumenti politici come le TEN-E può contribuire a garantire che le industrie che producono emissioni in tutta Europa abbiano accesso ai mezzi per la decarbonizzazione, evitando strategie frammentarie e a costi più elevati che rallenterebbero i progressi.

Cattura, rimozione, trasporto e stoccaggio del carbonio in Europa.

Messaggi correlati

Non perderti gli aggiornamenti!

iscriviti per ricevere gli ultimi contenuti di CATF

"*" indica i campi obbligatori