Vai al contenuto principale
metano ministeriale cop27

I leader mondiali dimostrano slancio sul metano in occasione della conferenza ministeriale COP27 ospitata da CATF

17 novembre 2022 Area di lavoro: Metano

Sharm el-Sheikh, Egitto - I leader mondiali, guidati da Stati Uniti e Unione Europea e con un'apparizione a sorpresa della Cina, hanno dimostrato oggi uno slancio significativo verso il raggiungimento degli obiettivi del Global Methane Pledge in occasione della riunione ministeriale COP27 sul metano, ospitata da Clean Air Task Force (CATF).  

Con la moderazione di Jonathan Banks, direttore globale di CATFper la prevenzione dell'inquinamento da metano, l'inviato degli Stati Uniti per il clima John Kerry ha annunciato che più di 150 Paesi hanno aderito all'Impegno globale per il metano per ridurre le emissioni collettive di metano del 30% entro il 2030. Di questi 150, decine hanno sviluppato piani d'azione nazionali per il metano o sono in procinto di farlo, con progressi sul fronte dei finanziamenti, delle politiche e dei nuovi percorsi di riduzione delle emissioni nei settori dell'energia, dell'agricoltura e dei rifiuti. 

"Alla COP26 il metano ha finalmente avuto il suo momento", ha detto Banks. "Ora stiamo assistendo a un vero e proprio slancio. Siamo lieti di vedere così tanti Paesi che hanno fissato le proprie ambizioni nell'ambito del Global Methane Pledge e ancor più lieti di vedere che molti di essi hanno trasformato tali ambizioni in azioni con piani, standard e politiche concrete. La riduzione delle emissioni di metano è uno dei pochi modi in cui possiamo piegare la curva del cambiamento climatico nel breve termine, e ogni Paese dovrebbe fare la sua parte". 

L'inviato speciale della Cina per il clima Xie Zhenhua ha fatto un'apparizione a sorpresa, sottolineando l'impegno della Cina a ridurre le emissioni di metano e condividendo che un piano nazionale di mitigazione del metano è attualmente in fase di revisione amministrativa e legislativa. 

"Il nuovo piano d'azione sul metano annunciato dalla Cina è la ciliegina sulla torta di una giornata incredibile per il metano", ha dichiarato Banks. "Si uniscono a decine di Paesi che hanno aumentato le proprie ambizioni e ad altri che le hanno già trasformate in azione con piani, standard e politiche concrete. La COP26 è stato il momento di svolta per il metano; la COP27 ci ha dato la prova dello slancio globale". 

Il Dipartimento di Stato americano e l'Unione Europea hanno pubblicato una scheda informativa congiunta sui progressi compiuti in materia di metano dal lancio del Global Methane Pledge, che include i seguenti punti salienti: 

  • Il 95% degli NDC include ora il metano nei propri obiettivi di gas serra a livello economico o lo farà entro la prossima revisione. Inoltre, più di 70 Paesi aderenti al GMP includono le attività relative al metano nei loro NDC.   
  • Più di 50 Paesi hanno piani d'azione per il metano o stanno lavorando per svilupparne uno: Dalla COP26, l'Unione Europea ha pubblicato un piano d'azione per il metano che copre i suoi 27 Stati membri e piani nazionali per il metano sono stati rilasciati da Brasile, Canada, Finlandia, Paesi Bassi, Norvegia, Svezia, Stati Uniti (un aggiornamento del piano del 2021) e Vietnam. Bangladesh, Costa d'Avorio, Messico, Marocco e Nigeria hanno inserito nei loro piani d'azione nazionali per gli inquinanti climatici a vita breve una forte componente relativa al metano. Belgio, Camerun, Colombia, Croazia, Estonia, Ghana, Liberia, Mali, Malta e Togo hanno manifestato l'intenzione di preparare un piano d'azione nazionale per il metano entro la COP28 e molti altri Paesi hanno iniziato a sviluppare un piano.  
  • I piani includono nuove politiche e iniziative importanti: I punti salienti di questi piani d'azione includono 20 miliardi di dollari di nuovi investimenti per la riduzione del metano da parte degli Stati Uniti, una serie completa di misure per la riduzione del metano da parte dell'Unione Europea, l'obiettivo del Canada di ridurre il metano di oltre il 35% entro il 2030 e l'obiettivo del Vietnam di ridurre il metano del 30% entro il 2030, accompagnato da un'ampia gamma di politiche e misure.   
  • Nuovo sostegno per il proseguimento del lavoro: La Coalizione per il clima e l'aria pulita (CCAC), un partner attuatore fondamentale del GMP, ha lanciato un programma d'azione per la Roadmap del metano e mobiliterà oltre 10 milioni di dollari nel 2023 per sostenere la pianificazione nazionale, le esigenze di mitigazione specifiche per settore e per Paese e il rafforzamento delle capacità nazionali per la mitigazione degli inquinanti climatici a vita breve. Nel 2022, la CCAC ha approvato il sostegno al metano per 27 Paesi.  
  • Unire importatori ed esportatori per ridurre il metano da energia fossile: Stati Uniti, Unione Europea, Giappone, Canada, Norvegia, Singapore e Regno Unito hanno rilasciato una Dichiarazione congiunta degli importatori ed esportatori di energia sulla riduzione delle emissioni di gas serra da combustibili fossili, impegnandosi a ridurre le emissioni di gas serra lungo tutta la catena del valore dell'energia da combustibili fossili.   
  • Sfruttare i dati satellitari per rispondere alle fonti di super-emissioni: L'Osservatorio internazionale delle emissioni di metano (IMEO), un partner attuatore fondamentale del GMP, ha lanciato il Sistema di allarme e risposta al metano (MARS) per aumentare il rilevamento di eventi di emissione importanti, notificare le parti interessate e sostenere e monitorare i progressi di mitigazione.
  • Mobilitazione di finanziamenti multilaterali per l'azione sul metano: La Global Gas Flaring Reduction Partnership della Banca Mondiale ha rilanciato il suo fondo fiduciario per affrontare tutte le fonti di emissioni di metano nel settore petrolifero e del gas, diventando la Global Flaring and Methane Reduction (GFMR) Partnership.  
  • Nuove politiche e azioni nazionali di riferimento: Gli Stati Uniti hanno pubblicato una proposta integrativa sul metano da petrolio e gas che prevede una riduzione dell'87% delle emissioni di metano da fonti coperte entro il 2030 rispetto ai livelli del 2005 e include la creazione di un "programma di risposta per i super emettitori". La Colombia è il primo Paese sudamericano a regolamentare le emissioni di metano del settore petrolifero e del gas. Alla COP27, la Colombia ha anche approvato il percorso energetico del Global Methane Pledge. La Nigeria è il primo Paese subsahariano a regolamentare le emissioni di metano del settore petrolifero e del gas. Il Messico svilupperà un piano di investimento e di attuazione per eliminare lo sfiato e il flaring di routine e collaborerà con l'Agenzia per la protezione dell'ambiente degli Stati Uniti per sviluppare un piano. La compagnia petrolifera nazionale e regolatrice della Malesia , PETRONAS, ha annunciato l'obiettivo di ridurre le emissioni di metano del 50% entro il 2025. Il Canada ha annunciato una proposta di quadro normativo per ottenere una riduzione di almeno il 75% delle emissioni del settore petrolifero e del gas entro il 2030 rispetto al 2012. 

I leader hanno anche lanciato il Percorso GMP per l'alimentazione e l'agricoltura e il Percorso GMP per i rifiuti. Questi si aggiungono al Percorso GMP Energia, che mira a catalizzare la riduzione delle emissioni di metano nel settore del petrolio e del gas. I percorsi comprendono ora le tre principali fonti di emissioni di metano e rappresentano un approccio olistico alla riduzione del metano a livello globale.  

I rifiuti sono responsabili di circa il 20% delle emissioni globali di metano prodotte dalle attività umane, e l'aumento drastico degli sforzi per ridurre queste emissioni può anche fornire importanti benefici per la salute e lo sviluppo economico. Il GMP Waste Pathway si concentrerà inizialmente sulla riduzione delle emissioni lungo la catena del valore dei rifiuti solidi, dalle fonti a monte ai siti di smaltimento a valle.   

Ieri, CATF ha annunciato un nuovo finanziamento da parte del Global Methane Hub per lanciare nuovi sforzi per tracciare e gestire le emissioni di metano dal settore dei rifiuti in Africa e America Latina. 


Contatti con la stampa 

Troy Shaheen, Direttore delle comunicazioni, Stati Uniti,tshaheen@catf.us, +1 845-750-1189 

Rowan Emslie, Direttore delle comunicazioni, Europa,remslie@cleanairtaskforce.org,
+32 476 97 36 42 

Circa Clean Air Task Force  

Clean Air Task Force (CATF) è un'organizzazione globale senza scopo di lucro che lavora per salvaguardarsi dai peggiori impatti del cambiamento climatico catalizzando il rapido sviluppo e la diffusione di energia a basse emissioni di carbonio e di altre tecnologie per la protezione del clima. Con 25 anni di esperienza riconosciuta a livello internazionale in materia di politica climatica e un forte impegno nell'esplorare tutte le potenziali soluzioni, CATF è un gruppo di advocacy pragmatico e non ideologico con le idee coraggiose necessarie per affrontare il cambiamento climatico. CATF ha uffici a Boston, Washington D.C. e Bruxelles, con personale che lavora virtualmente in tutto il mondo.Visitatecatf.noi e seguite@cleanaircatf. 

Messaggi correlati

Non perderti gli aggiornamenti!

iscriviti per ricevere gli ultimi contenuti di CATF

"*" indica i campi obbligatori