Vai al contenuto principale

Più di 160 sindacati, ONG e aziende sollecitano il Congresso a dare priorità alle politiche di gestione del carbonio su larga scala  

3 agosto 2021 Area di lavoro: Cattura del carbonio

WASHINGTON - Oggi più di 160 aziende, sindacati, gruppi ambientalisti e di tutela della salute e imprese di tutti gli Stati Uniti hanno inviato una lettera ai leader del Congresso per sollecitare l'inclusione di una serie completa di politiche bipartisan per la gestione delle emissioni di anidride carbonica in qualsiasi strumento legislativo più ampio di questo Congresso.

La lettera sottolinea l'importanza di un portafoglio di priorità politiche complementari per espandere e accelerare la diffusione della cattura del carbonio, che le principali agenzie ed esperti concordano essere fondamentale per raggiungere gli obiettivi dell'Accordo di Parigi. Oltre a ridurre le emissioni, la diffusione della cattura del carbonio negli Stati Uniti creerebbe e manterrebbe posti di lavoro altamente qualificati, con salari sostenibili per le famiglie, e stimolerebbe gli investimenti nel settore energetico, industriale e manifatturiero nazionale.

"La scienza è chiara", ha dichiarato Lee Beck, Direttore Internazionale della Cattura del Carbonio di Clean Air Task Force. "La cattura del carbonio è un pezzo cruciale del puzzle della decarbonizzazione e siamo orgogliosi di essere al fianco di oltre 160 stakeholder diversi che ne comprendono l'importante ruolo e che si stanno assicurando che anche i leader del Congresso lo capiscano".

La lettera rappresenta l'ultimo esempio del crescente slancio a favore di politiche di gestione del carbonio che aiutino a diffondere la cattura, la rimozione e lo stoccaggio del carbonio su scala. Tra i firmatari figurano organizzazioni ambientaliste e di conservazione come Clean Air Task Force, The Nature Conservancy e il Center for Climate and Energy Solutions organizzazioni sindacali come AFL-CIO, United Steelworkers e Utility Workers Union of America e aziende come Xcel Energy e LeHigh Hanson.

Questa serie di politiche, tutte introdotte in una legislazione fortemente sostenuta e ampiamente bipartisan, comprende:

  • fornire un'opzione di pagamento diretto per il credito d'imposta federale della Sezione 45Q;
  • estendere la finestra di inizio costruzione per il credito 45Q;
  • migliorare i valori dei crediti 45Q per la cattura del carbonio nelle centrali elettriche e industriali e per la cattura diretta dell'aria;
  • eliminare le soglie annuali di cattura del carbonio che scoraggiano l'innovazione;
  • finanziare la costruzione di reti regionali di trasporto e stoccaggio della CO2; e
  • garantire un solido finanziamento per i progetti pilota e i programmi dimostrativi di cattura del carbonio su scala commerciale.

La lettera sottolinea che l'espansione e l'accelerazione delle tecnologie di gestione del carbonio non solo sono essenziali per raggiungere gli obiettivi climatici degli Stati Uniti, ma sono anche fondamentali per mantenere la leadership tecnologica americana e per garantire il futuro dei settori energetici, industriali e manifatturieri nazionali e i posti di lavoro ad alto salario che ne derivano. Recenti analisi del Rhodium Group dimostrano che la diffusione di progetti di cattura del carbonio e di cattura diretta dell'aria e le relative infrastrutture di trasporto della CO2 hanno il potenziale di generare decine o centinaia di migliaia di posti di lavoro con salari superiori alla media.

Il pacchetto infrastrutturale bipartisan che sta attraversando il Congresso include diversi elementi chiave di sostegno alle tecnologie critiche di gestione del carbonio, tra cui i finanziamenti dell'Energy Act, dello SCALE Act e dei fondi per gli hub energetici.

Beck ha continuato:

"Siamo entusiasti che i legislatori abbiano fatto i primi passi per sostenere la costruzione di infrastrutture per la gestione del carbonio, includendo la legge SCALE nel pacchetto infrastrutture, che consentirebbe la diffusione della cattura del carbonio su scala, e abbinandola ai finanziamenti per gli hub demo e DAC per ulteriori impianti di cattura del carbonio. Ora è giunto il momento di andare fino in fondo, con miglioramenti chiave al 45Q e altre politiche di sostegno che posizionerebbero gli Stati Uniti come leader nella cattura, rimozione e stoccaggio del carbonio, mantenendo gli obiettivi climatici a portata di mano, mantenendo e creando migliaia di posti di lavoro ben retribuiti e tracciando un percorso che altri Paesi del mondo possono seguire".

Per leggere la lettera completa e consultare l'elenco dei firmatari, consultare il sito https://www.scalingcarbonmanagement.com/


Contatto con la stampa

Troy Shaheen, Direttore delle comunicazioni, Stati Uniti, tshaheen@catf.us, +1 845-750-1189

Circa Clean Air Task Force

Clean Air Task Force (CATF) è un'organizzazione senza scopo di lucro che lavora per salvaguardarsi dai peggiori impatti del cambiamento climatico catalizzando il rapido sviluppo e la diffusione a livello globale di energia a basse emissioni di carbonio e di altre tecnologie per la protezione del clima. Lavoriamo per raggiungere questi obiettivi attraverso la ricerca e l'analisi, la leadership nell'advocacy pubblica e la collaborazione con il settore privato. Con quasi 25 anni di esperienza riconosciuta a livello nazionale e internazionale in materia di politiche e normative per l'aria pulita e un forte impegno nell'esplorare tutte le potenziali soluzioni, CATF ha sede a Boston, con personale che lavora virtualmente in tutti gli Stati Uniti e all'estero.

Messaggi correlati

Non perderti gli aggiornamenti!

iscriviti per ricevere gli ultimi contenuti di CATF

"*" indica i campi obbligatori