Vai al contenuto principale
Porto di Rotterdam

CATF Dichiarazione sul premio per lo stoccaggio di CO2 del porto di Rotterdam

10 maggio 2021 Area di lavoro: Cattura del carbonio

BRUXELLES, 2021/05/10 - Il governo olandese ha concesso ieri 2 miliardi di euro di sovvenzioni a un consorzio che intende realizzare un nuovo e massiccio progetto di cattura e stoccaggio del carbonio nel porto di Rotterdam.

"Questa èuna notizia incredibilmente positiva, che arriva solo pochi mesi dopo l'investimento del governo norvegese nel progetto Longship. Sottolinea il forte slancio per la cattura e lo stoccaggio del carbonio in Europa", ha dichiarato Lee Beck, direttore internazionale di CATFper la cattura del carbonio. "Questa decisione dimostra che tutte le tecnologie devono essere disponibili per ridurre le emissioni sulla strada verso le emissioni nette zero".

Quattro aziende del porto di Rotterdam cattureranno e collaboreranno allo stoccaggio di CO2 in un giacimento di gas vuoto sotto il Mare del Nord. È la prima volta che la CO2 verrà catturata e stoccata su larga scala nei Paesi Bassi. Questi piani sono stati sollevati per la prima volta quattro anni fa e denominati progetto Porthos. Una volta completato, sarà uno dei più grandi progetti di cattura e stoccaggio del carbonio al mondo.

"Questa decisione sottolinea l'importanza di migliorare il sostegno alla cattura e allo stoccaggio del carbonio a livello europeo", ha continuato Beck. "Nel breve termine, ciò significa l'ottimizzazione del regolamento TEN-E per includere lo stoccaggio della CO2 e ulteriori modalità di trasporto della CO2".

Le sovvenzioni sono state concesse nell'ambito del programma SDE++, che assegnerà un totale di 5 miliardi di euro nel 2021. SDE++ incoraggia l'adozione di tecnologie cruciali in grado di ridurre le emissioni dei cosiddetti settori "difficili da abbattere", come la produzione di cemento, l'industria siderurgica e la gestione dei rifiuti.

"Si tratta di un fantastico passo avanti verso la decarbonizzazione del porto più grande d'Europa", ha dichiarato Magnolia Tovar, responsabile delle politiche sui combustibili a zero emissioni per l'Europa del sito CATF. "In Europa, le emissioni industriali sono state a lungo trascurate nel più ampio dibattito sulle politiche climatiche, quindi il fatto che il governo olandese abbia appoggiato questo progetto è molto incoraggiante. Permette al porto di Rotterdam di diventare un polo di decarbonizzazione all'avanguardia, dove la produzione di idrogeno a basse emissioni di carbonio e la realizzazione di infrastrutture per la cattura, il trasporto e lo stoccaggio della CO2 contribuiranno a rendere l'industria europea a prova di futuro per un mondo a emissioni limitate."

Come funziona SDE++?

L'SDE++ amplia il precedente schema chiamato "stimolo alla produzione di energia sostenibile" - o SDE+. La versione aggiornata non solo stimola la produzione di energia sostenibile, ma anche la riduzione di CO2. In questo modo, il governo olandese vuole garantire che la transizione energetica nei Paesi Bassi rimanga fattibile e conveniente.

I progetti finanziati riceveranno sovvenzioni attraverso un meccanismo di contratto di carbonio per differenza (CFD), in base al quale viene sovvenzionata la differenza tra il costo effettivo dell'applicazione delle tecnologie e il valore commerciale del prodotto fornito dalla tecnologia o il valore dellaCO2 evitata. In effetti, l'SDE++ sovvenzionerà solo il costo in eccesso dei progetti che producono energia rinnovabile e/o riducono laCO2, poiché l'importo della sovvenzione si adeguerà alle variazioni del valore di mercato, consentendo meccanismi di riduzione dellaCO2 rapidi ed efficaci dal punto di vista dei costi.

Per le caldaie elettriche, potrebbe essere la differenza tra il costo del vapore prodotto con elettricità pulita e il costo del vapore prodotto con gas naturale. Per la CCS, potrebbe essere la differenza tra il costo della cattura, del trasporto e dello stoccaggiodella CO2 e il costo dell'emissione diCO2 nell'ambito del sistema di scambio di emissioni dell'UE*.

Il meccanismo è strutturato in modo da finanziare solo il vero costo incrementale sostenuto dall'industria per intraprendere progetti di riduzione delle emissioni di carbonio; il sostegno sarà limitato nel tempo e si ridurrà con l'aumentare del valore di mercato delle quote EU ETS.

Si tratta di una caratteristica importante che dimostra come il sistema ETS dell'UE possa essere collegato alla politica di innovazione a livello nazionale. Il modello SDE++ traduce a livello nazionale il riconoscimento da parte dell'UE dell'importanza di finanziare una serie di tecnologie a basse emissioni di carbonio, come la cattura e lo stoccaggio del carbonio e l'idrogeno a basse emissioni. In Europa, il coordinamento delle attività per la promozione di una serie di soluzioni consentirà di raggiungere meglio gli obiettivi di riduzione delle emissioni di carbonio e SDE++ potrebbe potenzialmente integrare le strutture dell'UE per il collegamento dell'Europa, i progetti di interesse comune e il Fondo per l'innovazione da 10 miliardi di euro.

Messaggi correlati

Rimanete informati

Sign up today to receive the latest content, news, and developments from CATF experts.

"*" indica i campi obbligatori