Vai al contenuto principale
Provette per biocarburanti

Rapporto dell'EPA sull'impatto ambientale dei biocarburanti

9 luglio 2018 Area di lavoro: Bioenergia e uso del territorio

Sebbene la legge richieda nominalmente ai raffinatori di miscelare 26 miliardi di galloni di biocarburante nella fornitura americana di carburante per il trasporto nel 2018, l'EPA ha dovuto ridurre il volume effettivo richiesto per quest'anno di sette miliardi di galloni, per tenere conto della cronica indisponibilità di biocarburanti cellulosici. Tra i molti errori commessi dal Congresso nel 2007, uno dei più grandi è stato quello di strutturare il programma sulla base di alcune ipotesi eccezionalmente sbagliate sulla scalabilità della futura produzione di biocarburanti cellulosici.

Questo post, tuttavia, si concentra su qualcosa che il Congresso ha fatto bene. Alcuni membri si sono preoccupati dei danni ambientali che potrebbero derivare da una forte espansione della produzione di biocarburanti ottenuti da colture di base ad alta intensità di risorse. Hanno quindi aggiunto alla legge una disposizione che impone all'EPA di redigere ogni tre anni un rapporto sugli "impatti attuali e sui probabili impatti futuri [dell'RFS] sulla qualità dell'aria, sulla qualità dell'acqua, sulla disponibilità di acqua, sulla conservazione del suolo, sulla salute e sulla biodiversità dell'ecosistema e su altre questioni ambientali".

In particolare, gli impatti sul clima associati alla produzione e all'uso dei biocarburanti non rientrano nell'ambito del rapporto richiesto dal Congresso. Come abbiamo discusso a lungo in altre sedi, la forte dipendenza dai biocarburanti convenzionali dell'RFS - in particolare l'etanolo da mais e il biodiesel da soia - sta aggravando il cambiamento climatico.

Sette anni dopo aver pubblicato il primo rapporto di questo tipo, e due anni dopo essere stata rimproverata per il suo ritardo dall'Ispettore generale dell'Agenzia, l'EPA ha appena pubblicato Biocarburanti e ambiente: Secondo rapporto triennale al Congresso.

Il nuovo Rapporto triennale conferma le preoccupazioni sugli impatti ambientali negativi dei biocarburanti. Il rapporto rileva che le prove dell'impatto negativo della produzione di biocarburanti sull'ambiente sono aumentate rispetto al 2011, quando l'Agenzia ha pubblicato il precedente Rapporto triennale. In diversi punti, il rapporto conferma molte delle preoccupazioni sui danni ambientali sollevate nel rapporto del 2011 (nonché alcuni dei risultati chiave di un rapporto critico pubblicato nello stesso anno dal National Research Council). Altrove, il nuovo rapporto si spinge oltre, indicando gli studi pubblicati dopo il 2011 che descrivono gli impatti ambientali peggiori del previsto della produzione di etanolo da mais e biodiesel da soia. Tra questi vi sono:

Cambiamento dell'uso del suolo: La domanda di biocarburanti guidata dall'RFS sta causando cambiamenti nell'uso del suolo dannosi per l'ambiente negli Stati Uniti e all'estero. Il rapporto dell'EPA rileva che la superficie coltivata a mais e soprattutto a soia negli Stati Uniti è aumentata a scapito di altre colture e/o paesaggi naturali, "con forti indicazioni che parte di questo aumento sia una conseguenza dell'incremento della produzione di biocarburanti". (p110)

È probabile che l'RFS stia determinando pratiche dannose di cambiamento dell'uso del suolo anche in altri Paesi. "I rapporti suggeriscono che la domanda di materie prime per biocarburanti ha portato a impatti sull'uso del suolo mediati dal mercato (cambiamenti diretti e indiretti dell'uso del suolo) nell'ultimo decennio", scrive l'EPA. "L'espansione dei terreni coltivati e la perdita di habitat naturali (comprese le foreste) sono stati osservati a livello internazionale ed è probabile che l'aumento della produzione di biocarburanti abbia contribuito a questi cambiamenti nell'uso del suolo." (pp108-109)

Impatto sulla qualità dell'aria: La produzione e l'uso dei biocarburanti possono avere un impatto negativo sulla qualità dell'aria. Secondo il Rapporto triennale, i tassi di emissione variano notevolmente tra le raffinerie di etanolo, ma "gli impianti che producono etanolo da mais e materie prime cellulosiche tendono ad avere maggiori emissioni di inquinanti atmosferici rispetto alle raffinerie di petrolio su una base per BTU di carburante prodotto". (p59)

Il rapporto rileva inoltre che persiste il preoccupante legame tra l'uso dell'etanolo e le emissioni di NOx. Una ricerca congiunta condotta sui veicoli leggeri Tier 2 dall'EPA, dal Dipartimento dell'Energia e dal Coordinating Research Council nel 2009-2013 "ha continuato a rilevare che l'etanolo aumentava le emissioni di NOx", anche se i veicoli erano dotati di moderni controlli delle emissioni. (p60)

Impatti sulla qualità/quantità dell'acqua: Il rapporto originale dell'EPA del 2011 identificava diversi modi in cui la produzione di biocarburanti minacciava la qualità e la disponibilità dell'acqua. Il rapporto del 2018 rafforza queste preoccupazioni e suggerisce che potrebbero diventare più pronunciate, dato che la domanda di biocarburanti guidata dalle politiche spinge nuove coltivazioni di mais, soia e altre colture per biocarburanti su terreni che richiedono maggiore irrigazione e/o fertilizzazione.

"Gli studi modellistici condotti dopo il Rapporto del 2011 suggeriscono che la domanda di materie prime per biocarburanti, in particolare di mais, può contribuire alle fioriture algali dannose, come recentemente osservato nel lago Erie occidentale, e all'ipossia, come osservato nel Golfo del Messico settentrionale." (p73)

L'EPA ha rilevato che il consumo di acqua nelle aziende agricole di mais irrigato è aumentato tra il 2007 e il 2012; il tasso di cambiamento di destinazione d'uso dei terreni per la produzione di mais è aumentato negli Stati occidentali più aridi che già devono affrontare problemi di disponibilità idrica, tra cui la regione dell'acquifero Ogallala, ormai esaurito; è più probabile che gli impatti negativi sulla disponibilità idrica si verifichino nelle falde acquifere e nei bacini idrici superficiali già stressati. (p83)

Impatto sugli ecosistemi e sugli habitat: L'aumento dell'RFS ha coinciso con la perdita di praterie e zone umide in aree ecologicamente sensibili, tra cui la Prairie Pothole Region. La conseguente perdita di habitat e la "semplificazione" dei paesaggi hanno un impatto negativo sugli impollinatori, sugli uccelli, sugli organismi che vivono nel suolo e interrompono i servizi ecosistemici negli habitat terrestri e acquatici. (p92)

Messaggi correlati

Non perderti gli aggiornamenti!

iscriviti per ricevere gli ultimi contenuti di CATF

"*" indica i campi obbligatori